mercoledì 31 marzo 2010

Un passo nella storia - Episodio 17

"La Stock di Trieste, famosa nel mondo per i suoi brandy, vi invita all'ascolto di...". Qualche anno fa questo ero lo spot che annunciava l'inizio di Tutto il calcio minuto per minuto sulle frequenze di Radio 1. Lo è stato per decenni, obbligatorio come un francobollo su una cartolina. Il pezzo d'archivio che vi propongo oggi è stato pubblicato il 29 novembre 2000, l'ha scritto il critico televisivo del quotidiano romano Antonio Dipollina.
Roberto Pelucchi


"La vostra squadra del cuore ha perso? Chiedete il cambio dell'allenatore e poi gustatevi uno Stock". Così, come in uno spot rifatto da qualche parodista satirico. E invece è vero, e invece è il nuovo spot radiofonico che oggi chiude Tutto il calcio minuto per minuto. E' molto più che la fine di un'epoca. Lo slogan celebre da quasi quarant'anni ("La vostra squadra del cuore ha vinto? Brindate con. Ha perso? Consolatevi con.") va definitivamente in archivio e lascia spazio al suo clone "adattato ai tempi" come dicono all'azienda di Trieste famosa nel mondo. Quei tempi che, in materia di pubblicità, ormai non risparmiano niente a nessuno, se è vero che i minispot da sette secondi ormai interrompono anche le partite trasmesse alla radio. Ma si pensava che almeno il finale di Tutto il calcio dovesse essere salvaguardato. Leggendo lo spot l'annunciatore - va detto - usa un tono ironico, e alla Stock si sono affrettati a sottolinearlo quando hanno capito di aver giocato in maniera un po' ardita: e soprattutto con la disdetta di aver fatto debuttare il nuovo slogan in una domenica irta di violenze, di squadre che vanno a picco e di tifosi che il cambio dell'allenatore lo hanno chiesto a mazzate e seggiolini in campo. Ed erano sobri, si presume. Figuriamoci se dopo fossero anche andati a trincare brandy. Azeglio Vicini, presidente dell'associazione allenatori, l'ha presa un po' male. "L'ironia può andare, ma vogliamo maggiore rispetto. Non ci sono solo gli allenatori che guadagnano miliardi, ci sono quelli che non guadagnano nulla e sono sottoposti alle stesse pressioni". Ma da Trieste - famosa nel mondo - ribattono: "L'intenzione è assolutamente ironica, il tono vuole sicuramente sdrammatizzare i temi del calcio". Sarà. Ma l'impressione da fuori è che lo slogan sia prima di tutto stupidello e soprattutto coniato da qualcuno che il mondo del calcio non lo conosce affatto, e non sa quanto può pesare una frase in più o in meno. Poco male, per rifare uno spot radiofonico ci vogliono dieci minuti, per rimandare in onda quello vecchio, ancora meno.
Antonio Dipollina

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.