venerdì 23 agosto 2013

I classici di TiCB: Milan 1992-1993

Torna il best of, il mix di pillole pescate dal passato, di TiCB.

Questa rubrica propone infatti alcuni pezzi di storia di Tutto il calcio grazie alla collaborazione con il canale You Tube di Marco d'Alessandro MXMCLASSIC.

Il torneo che analizziamo questa settimana è quello del Milan dei miracoli di Capello che vince scudetto e sfiora la coppa dei campioni a causa della sciagurata finale con OM. E' il campionato dell'apertura agli stranieri, dell'inizio dei miracoli Lazio e Parma.
Già dopo le prime giornate s'intuì che il campionato si sarebbe chiuso con la vittoria del favorito Milan, già in fuga dopo la seconda giornata. Destò inizialmente curiosità il neopromosso Pescara di Giovanni Galeone, che però rientrò presto nei ranghi, mentre il campionato abbandonava gradualmente il classico catenaccio per votarsi a un gioco più offensivo e spettacolare e ad una non sempre impeccabile difesa a zona; le 48 reti segnate il 4 ottobre infransero un vecchio record (42) che perdurava dal 1930. Fu il Torino del pragmatico Mondonico a tentare un inseguimento, bloccando per i primi i rossoneri sul pareggio il 1º novembre, ma andando poi a perdere il derby due settimane dopo. Alla tredicesima il Milan vantava già otto punti di vantaggio sui granata, sull'Inter e sulla Fiorentina, che malgrado la buona posizione di classifica esonerò il 3 gennaio il tecnico Radice a causa di incomprensioni con la dirigenza; alla fine del girone d'andata i rossoneri mantennero gli otto punti di distacco dai cugini (malgrado la perdita di van Basten per problemi fisici), mentre la terza classificata, la sorprendente Atalanta di Marcello Lippi, era staccata di undici lunghezze. Il Milan chiuse il girone d'andata conquistando 31 punti sui 34 disponibili, grazie a quattordici vittorie e tre pareggi, migliorando il proprio record di 29 punti del torneo precedente. Il dominio dei rossoneri sul torneo si fece sempre maggiore: il 7 marzo acuì i problemi della Fiorentina e allungò a undici punti sull'Inter. Solo nelle ultime dieci giornate i rossoneri, anche a causa degli impegni in Coppa dei Campioni, accusarono un brusco calo di rendimento; il 14 marzo si fanno rimontare dalla Lazio il doppio vantaggio, mentre il 21 marzo subiscono la prima sconfitta dopo 58 gare (quasi due anni d'imbattibilità): fu il Parma ad espugnare il Meazza con una rete di Asprilla. L'Inter sperò in un riavvicinamento, ma non andò oltre il pareggio nel derby della vigilia di Pasqua e, pur vedendo proseguire la crisi di risultati dei rossoneri, battuti in casa dalla Juventus per 3-1 la domenica successiva, riuscì solamente ad avvicinarsi gradualmente fino al -4. Il pareggio tra Milan e Brescia della penultima giornata consentì dunque ai rossoneri di festeggiare il loro 13º scudetto. Il terzo posto andò a un Parma in costante ascesa e vincitore di una storica Coppa delle Coppe a Wembley; seguirono l'altalenante Juventus, la Lazio del giovane capocannoniere Signori e il Cagliari, alla prima qualificazione europea dopo due decenni. In campionato il numero di gol complessivi passò dai 695 della stagione 1991-92 agli 858 di questo torneo: era dal 1958-59 che non si segnava così tanto in Serie A. In zona retrocessione, si salvò nuovamente il Foggia, mentre il Genoa strappò i punti vitali solo nelle ultime giornate. La crisi della Fiorentina nel girone di ritorno non conobbe sosta e, a causa dei confronti diretti sfavorevoli con Brescia e Udinese, la squadra viola retrocesse in B dopo 54 anni, al termine di un'ultima giornata vibrante. Ai viola si aggregarono le rondinelle lombarde, sconfitte dai friulani nello spareggio di Bologna, mentre per Ancona e Pescara la retrocessione era già stata decretata da tempo. (fonte Wikipedia)

Ma ecco il momento saliente

Campionato di Serie A 1992-1993
33a Giornata - Milan - Brescia 1-1
30 Maggio 1993
Radiocronaca di Sandro Ciotti


Ecco la nostra collezione speciale
01 Verona 1984-1985
03 Napoli 1989-1990
02 Sampdoria 1990-1991
04 Milan 1992-1993

Noi torniamo fra due settimane

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.