lunedì 28 ottobre 2013
12:45

La Radio-Pagella 2013-2014 Puntata 10

di Francesco Furlan

Vincitrice di giornata: Manuela Collazzo. Seconda puntata al gran completo di “Palasport” ed eccellente prestazione per colei che ha l’aria di essere (almeno nella trasmissione domenicale) diventata la detentrice del campo principale della pallavolo. L’ottima Manuela si era disimpegnata molto bene già la scorsa settimana, ma, vuoi una prima parte con collegamenti pallavolistici assai smilzi, vuoi una seconda parte in cui la sua partita si è protratta solo per qualche minuto, aveva avuto poche occasioni per mettersi in luce. Ieri invece è stata bravissima sia nella prima parte (in cui la pallavolo è stata un po’ più considerata) sia, soprattutto, nella seconda, quando è stata precisa ed appassionata nel raccontare l’alternanza di emozioni nel finale di terzo set, con la lunga teoria di match-point annullati da Latina a Macerata. Molto bene anche nel breve commento finale. E’ ancora troppo presto per parlarne, ma Manuela sembra già ottimamente istradata sulla scia delle sue illustri colleghe.

Top
Giuseppe Bisantis: voto valido per la partita di domenica. Superato l’imbarazzo iniziale (quando attribuisce il gol di Parolo a Gobbi, suscitando fallaci speranze in tutti i partecipanti al Fantacalcio che annoverano l’ex viola nelle loro file), offre un’ottima cronaca del vivace match del “Tardini”. Sottolinea impietosamente le irredimibili magagne della difesa rossonera, così come la dolce vendetta di Cassano. Si candida ad un autorevole posizione nella speciale classifica “Gufo d’oro” quando, dopo la rete di Matri, racconta come il Parma stia dominando e, nel giro di pochi secondi, arriva il pareggio di Silvestre. Bravo anche nel concitatissimo finale. Domenica assai positiva.

Umberto Avallone: voto valido per “Palasport”. Avevamo avuto il sospetto sentendolo qualche volta anche l’anno scorso: la sensazione è che il buon Umberto si trovi più a suo agio nel volley che nel calcio, aiutato forse anche dal fatto che il primo sport lo ha pure praticato, sul campo e dal seggiolone. Molto bene anche lui negli interventi nella puntata del contenitore pomeridiano, quando racconta con discreto ritmo e buona precisione la vittoria di Piacenza su Vibo. Anche lui si candida, a mio avviso, ad un ruolo di prestigio nella neonata trasmissione dedicata a basket e pallavolo.

Fabrizio Cappella: continuano le eccellenti prestazioni di quella che è diventata la voce ufficiale della serie B in Campania. Quest’anno l’Avellino sta disputando un campionato di ottimo livello, mentre ancora stenta a decollare la Juve Stabia. Sabato gli è toccato raccontare l’ennesimo rovescio casalingo delle vespe, anche se contro una grande del campionato cadetto come l’Empoli. Racconto sempre fluido e preciso, probabilmente il migliore della puntata di sabato. Oramai una vera e propria garanzia per gli appassionati del calcio alla radio.

Flop
Giuseppe Bisantis/Umberto Avallone: non fosse stato per la puntata di domenica, quando si sono ben riscattati, il week-end calcistico sarebbe stato non proprio felicissimo per i nostri. Cronaca di Inter-Hellas piuttosto pasticciata di Bisantis, che oltretutto si fa cogliere con la tazzina di caffè in mano sia sul gol di Martinho sia sul 3-1 di Cambiasso. A parziale giustificazione, il fatto che nessuno dei gol nerazzurri sia scaturito da azioni particolarmente limpide, ma il buon Giuseppe ha fatto sicuramente di meglio. Francamente un pochino stucchevole è apparso poi il rilievo dato alla questione degli striscioni anti norme sulla discriminazione territoriale apparsi nella curva dell’Inter, con in nostri eroi intenti a decifrare tutto quello che c’era scritto (Avallone deve anche essersi particolarmente impegnato, dato che è riuscito a leggere caratteri assai minuscoli, quando Bisantis si era oramai arreso). Opinione personale: non è che si stia dando un poco troppa d’importanza alla questione e soprattutto alle prese di posizione delle curve ?

Emilio Mancuso: riprende la stagione sciistica ed anche quest’anno il buon Emilio adempie al suo compito di voce della Coppa del Mondo. Nonostante abbia oramai un anno di esperienza nel suo bagaglio, sembra ancora leggermente impacciato nella cronaca, come si è potuto verificare sia sabato sia domenica. Comunque in leggero miglioramento. Fra l’altro è anche parecchio sfortunato, perché in entrambi i suoi interventi durante il “lunch-match” viene interrotto da Repice per i due calci di rigore del Napoli. Fra sci e tennis (imminente la finale di Fed Cup) non mancheranno per lui le occasioni per mettersi in luce.

Antonio Monaco: ci risiamo. L’ottimo Antonio è sempre uno dei regionali più in gamba nel racconto delle partite (anche quando è chiamato in serie A) e da questo punto di vista è largamente affidabile. Però, quando gli tocca la serie B, non riesce proprio a nascondere il positivo entusiasmo per i risultati delle squadre della sua regione. Con il Pescara in ambasce, quest’anno tocca al Lanciano dargli grandi soddisfazioni: anche sabato urlaccio reiterato alla Repice sul gol dei rossoneri (quelli che giocano bene) ed una costante “attenzione” su tutte le azioni della squadra di casa. Incappa anche nel piccolo infortunio sull’annullamento della rete di Vantaggiato. Diciamo che, se limasse queste piccole imperfezioni, sarebbe da top (quasi) ogni settimana.

PS: a Dio piacendo, si è finalmente chiuso (anche matematicamente) uno dei più noiosi Mondiali di Formula Uno da quando l’uomo inventò l’automobilismo. Mi auguro caldamente che adesso Delfino venga liberato dalle ultime, inutili incombenza motoristiche e venga finalmente restituito al calcio a tempo pieno.

-->

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.