giovedì 24 giugno 2010

Il calcio dà i numeri Mondiale - Episodio 14

Amici ed amiche di tuttoilcalcioblog.it, è giunta l'ora della verità! La Nazionale oggi è chiamata, oltre che al passo della qualificazione, anche ad una prova d'orgoglio. Nel girone più semplice, gli azzurri, privi di elementi di spicco capaci di cambiare la partita e vittima finora delle decisioni di colui che quattro anni fa l'aveva portata al successo (ossia Marcello Lippi), stanno finora facendo una figura BARBINA: il pareggio con i carpentieri della Nuova Zelanda è in assoluto la figura più brutta della storia della Nazionale dal 1966 in avanti. E forse addirittura superiore a quella con la Nord Corea: primo, perché quella nazionale fece tremare il Portogallo di Eusebio nei quarti; secondo, siamo i Campioni del Mondo in carica! Tuttavia, una nazionale senza idee ha ancora una possibilità per passare agli ottavi (probabilmente da seconda: uno scandalo nel girone più facile della storia per gli azzurri ai Mondiali) e di farlo tirando fuori l'orgoglio, oggi, con la Slovacchia. Vincere convincendo sarebbe un buon passo avanti... ma ci basterebbe anche un pari, come vedremo nella seconda sezione della rubrica in basso. Prima dei numeri, celebriamo le qualificazioni di ieri delle due grandi sotto esame, Germania e Inghilterra, che hanno superato la prova con due identiche vittorie di misura e ora si sfideranno in una finale anticipata domenica pomeriggio nel terzo ottavo di finale; a far loro compagnia, il Ghana (che pur sconfitto dalla Germania passa come seconda) e gli USA, che superano in volata la Slovenia e vanno a sfidare proprio gli africani sabato sera nel secondo ottavo di finale.
Ma torniamo ad oggi: oltre al gruppo dell'Italia, oggi si chiude anche quello dell'Olanda. Andiamo a vedere i numeri di giornata e poi segue il toto-qualificate.

Slovacchia - Italia (Gruppo F, Johannesburg Ellis Park, ore 16.00) Secondo confronto della storia tra la nostra Nazionale e l'ex costola della Cecoslovacchia, il primo ai Mondiali. L'unico confronto in un amichevole di preparazione ai Mondiali 98, al Massimino di Catania: 3-0 per la nostra rappresentativa.
Arbitro: Webb (INGHILTERRA). Nessun precedente ai Mondiali.
L'arbitro degli azzurri: E' al suo primo Mondiale, Howard Webb. Un arbitro ormai di fama internazionale, avendo diretto anche la finale di Champion's League del 22 maggio scorso a Madrid, che ha visto il trionfo dell'Inter di Mourihno e Diego Milito. Nelle competizioni internazionali (in cui non ha mai diretto l'Italia) a cui ha partecipato è stato tuttavia protagonista di diverse disavventure. Ad Euro 2008, dopo Austria - Polonia, ricevette minacce di morte dai tifosi polacchi (e addirittura dal primo ministro del Governo di Varsavia) per aver concesso un rigore inesistente ai padroni di casa austriaci nei minuti di recupero, fondamentale per fissare l'1-1 finale (in realtà, anche il vantaggio polacco era irregolare perché il realizzatore, Roger, era in fuorigioco). Nella Confederations Cup 2009 fu protagonista invece di un caso di moviola in campo: durante Brasile - Egitto, sul 3-3 non vide un netto rigore per i verde-oro dopo un mani africano sulla linea di porta al 90'. Ma il quarto uomo, aiutato da una tv messa a bordocampo, lo avvertì della scorrettezza e Webb assegnò il rigore ai sudamericani (vincitori 4-3) ed espulse l'egiziano autore del fallo. La FIFA negò l'evidenza che si trattasse di un caso di moviola in campo, ma tuttavia tolse le tv dal bordocampo per tutto il resto della manifestazione.

Paraguay - Nuova Zelanda (Gruppo F, Polokwane, ore 16.00) Primo confronto della storia delle due nazionali. Nuova Zelanda che cerca la prima vittoria e la prima storica qualificazione agli ottavi dopo lo storico 1-1 con l'Italia; Paraguay vicino alla qualificazione col primo posto nel girone.
Arbitro: Nishimura (GIAPPONE). Nessun precedente ai Mondiali.

Danimarca - Giappone (Gruppo E, Rustenburg, ore 20.30) Terza partita tra le due nazionali, la prima ai Mondiali: nei due precedenti, entrambi da riferire a gare amichevoli, altrettanti successi danesi. Un altro successo è l'unica cosa che serve alla Danimarca per arrivare seconda: qualunque altro punteggio premierebbe il Giappone, che ha gli stessi punti dei danesi ma una migliore differenza reti.
Arbitro: Damon (SUDAFRICA). Nessun precedente ai Mondiali.

Camerun - Olanda (Gruppo E, Città del Capo, ore 20.30) Nessun precedente ai Mondiali: solo due amichevoli, curiosamente giocate entrambe il 27 maggio, rispettivamente del 1998 e del 2006 (quindi partite di preparazione ai rispettivi mondiali). Ma anche questa è poco più di un amichevole: le due Nazionali conoscono già il loro destino da sabato, quando gli africani sono stati matematicamente eliminati e gli orange hanno staccato per primi il biglietto per gli ottavi. Orange che potrebbero essere l'avversario dell'Italia agli ottavi di finale.
Arbitro: Pozo (CILE). Nessun precedente ai Mondiali.

IL TOTO-QUALIFICATE

Gruppo E
La situazione:


SquadraP.tiGVPSGFGSDR
Bandiera dell'Olanda Olanda6220030+3
Bandiera del Giappone Giappone32101110
Bandiera della Danimarca Danimarca3210123-1
Bandiera del Camerun Camerun0200213-2
Olanda già qualificata. E' prima se:
  • vince
  • pareggia
  • perde e Giappone - Danimarca finisce pari
  • perde e Giappone o Danimarca non vincano segnando tanti gol.

Il Giappone si qualifica se:
  • vince. E' primo se batte la Danimarca con tre gol di scarto e l'Olanda perde.
  • pareggia. Ha una differenza reti migliore della Danimarca.

La Danimarca si qualifica se:
  • vince. E' primo se batte il Giappone con almeno quattro gol di scarto e l'Olanda perde.

Gruppo F
La situazione:


SquadraP.tiGVPSGFGSDR
Bandiera del Paraguay Paraguay4211031+2
Bandiera dell'Italia Italia22020220
Bandiera della Nuova Zelanda Nuova Zelanda22020220
Bandiera della Slovacchia Slovacchia1201113-2

L'Italia si qualifica se:
  • vince. Per essere prima, dipende da Paraguay - Nuova Zelanda: condizione necessaria è che il Paraguay non vinca. In caso di pareggio nell'altro campo, all'Italia per il primato serve un successo con due gol di scarto se il Paraguay pareggia 0-0, oppure un successo con tre gol di scarto in caso di pareggi superiori all'1-1 del Paraguay. In caso di vittoria della Nuova Zelanda sui sudamericani, agli azzurri per il primato basta segnare un gol in più degli oceanici.
  • pareggia e la Nuova Zelanda perde. In caso di parità anche in Paraguay - Nuova Zelanda, all'Italia per la qualificazione diretta serve un pareggio con un numero di gol superiori a quanto avvenuto nell'altro campo: ad esempio, se sudamericani e neozelandesi impattono 0-0, all'Italia serve un 1-1 e così via, in quanto la parità con la Nuova Zelanda è attualmente totale. In caso di pareggi con punteggi uguali, Italia e Nuova Zelanda si giocheranno la qualificazione con la monetina.

Il Paraguay si qualifica se:
  • vince. E' primo in tutti i casi.
  • pareggia. E' prima se l'Italia non vince con uno scarto uguale o superiore ai due gol.
  • perde e Italia - Slovacchia termina in parità.
  • perde e la Slovacchia non vince con uno scarto superiore ai due gol.

La Nuova Zelanda si qualifica se:
  • vince. E' prima se l'Italia non vince oppure vince ma la Nuova Zelanda segna un gol in più.
  • pareggia segnando più gol dell'Italia. In caso di assoluta parità Italia e Nuova Zelanda andranno al sorteggio.

La Slovacchia si qualifica se:
  • vince e la Nuova Zelanda non vince.
  • in caso di vittoria della Nuova Zelanda, le servirebbe un successo sull'Italia con uno scarto presumibilmente superiore ai due gol per sorpassare il Paraguay sulla differenza reti. La Slovacchia si qualificherebbe in tutti i casi come seconda.

Con la situazione del gruppo dell'Italia si chiude il numero odierno dei numeri del Mondiale. Appuntamento a domani con l'ultimo giorno della fase a gironi e la chiusura dei gruppi G e H. Nel bene e nel male... FORZA AZZURRI!!!!

Mario Aiello

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.