lunedì 28 giugno 2010

Il pagellone mondiale 17

Gentili lettori ben ritrovati, come ogni domenica che si rispetti non sono mancate le grandi partite e le consuete polemiche arbitrali. Nei due ottavi di ieri la Gemania ha vinto 4-1 contro l'Inghilterra di Capello che esce a testa bassa, ora i tedeschi dovranno affrontare l'Argentina di Maradona che ha vinto 3-1 contro un generoso Messico. In entrambe le gare pesano due orrori arbitrali, Larrionda annulla una rete validissima di Lampard (la palla è entrata di mezzo metro), mentre la coppia Rosetti-Ayroldi non vede un netto fuorigioco nel primo goal di Tevez e dopo averlo rivisto nel tabellone non hanno il coraggio di cambiare per sottostare al regolamento. Blatter deve dimettersi subito, ha perso lui e la sua ostinazione a rifiutare la moviola in campo.
Oggi alle 16:00 Olanda-Slovacchia, alle 20:30 Brasile-Cile.
Buona lettura...Zuma!
E' andato tutto come da pronostico con la vittoria della GERMANIA (9) sull'INGHILTERRA (4) con il netto punteggio di 4-1. Capello come al solito non cambia la squadra vincente per cui ripropone lo stesso 11 anti Slovenia con Rooney e Defoe in attacco, dall'altra parte Loew schiera Klose (8) che aveva saltato la sfida contro il Ghana per squalifica. Ed è proprio lo stesso attaccante ha sbloccare il punteggio, rinvio lunghissimo del portiere Neuer con palla direttamente tra i piedi dell'attaccante del Bayern che si libera dell'incerto Hupson e con un tocco di esterno destro mette in rete per l'1-0. Immediato il raddoppio al termine di un azione spettacolare, Klose serve magistralmente Muller, da questi per Podolski (7+) che batte di precisione James per il 2-0. Gara sostanzialmente chiusa, inglesi sotto shock e tedeschi sugli scudi ma al 37' la reazione con la rete di Hupson (5,5) che colpisce di testa sul cross di Gerrard, passa un minuto e arriva il 2-2 con un tiro dalla distanza di Lampard ma l'arbitro annulla inspiegabilmente, secondo Larrionda (3) la palla non è entrata ma dal replay è chiarissimo come la sfera di gioco sia entrata di almeno mezzo metro, il 2-2 avrebbe cambiato completamente la partita con gli inglesi che avrebbero fatto a meno di scoprirsi al contropiede tedesco. Prima parte della ripresa caratterizzata dal forcing degli uomini di Capello che beccano anche una traversa ma si scoprono troppo e in seguito a un calcio di punizione subiscono il 3-1, contropiede micidiale portato avanti di Muller che vede Schweinsteiger (7,5) libero a sinistra il quale sgroppa, si accentra, serve nuovamente per Muller (8,5) che insacca di potenza, il 4-1 è simile, contropiede che parte dall'area tedesca dopo un errore di Barry (4), Ozil (7) galoppa tra le praterie di Bloemfontein, serve Muller libero in area e rete inevitabile, da quel momento non si è più giocato, vittoria schiacciante e meritata dei tedeschi.
Il mondiale dell'Inghilterra è stato fallimentare, è una grande sconfitta per Fabio Capello (4) che riteniamo un tecnico più per club che per nazionali, questa debacle macchia la carriera del tecnico di Pieris, vincente ovunque tranne che nella patria della Regina, le dimissioni sarebbero doverose ma non le darà mai, il cammino nelle qualificazioni è stato brillante per cui le aspettative erano altissime anche per una nuova mentalità rigida imposta al gruppo. Non era facile ripartire dopo il disastro della gestione McClaren ma la squadra in questo torneo non ha mai convinto se si esclude la partita contro la Slovenia, contro Usa e Algeria è mancato completamente il gioco così come ieri, palloni sprecati, difficoltà nell'impostare la manovra sempre lenta e prevedibile, un po' come l'Italia è mancata nella fantasia, nel giocatore dell'ultimo passaggio, Rooney (4) ha deluso tutti, nulla la sua intesa con i vari Defoe, Crouch e Heskey, l'attacco ha segnato solo 3 reti anzi su 3 solo una è di un attaccante (Defoe), la difesa si era presentata alla partita di ieri come punto forte della squadra con una sola rete al passivo causata da Green e invece ieri si è sciolta come neve al sole,aperta completamente dal contropiede tedesco, tutta la partita è stata caratterizzata dalle disattenzioni difensive con i giocatori sempre fuori posizione e buchi impressionanti che non sembrava di vedere una formazione di Capello o la stessa Inghilterra sempre solida in difesa. E' il fallimento del calcio inglese ricco di stranieri a partire dagli allenatori, come Lippi anche Capello si è trovato a convocare pochi giocatori delle grandi e tanti di squadre piccole, di conseguenza poco esperti, inoltre il c.t. ha lasciato a casa un giovane “grande” come Theo Walcott che tanto avrebbe fatto comodo all'attacco spuntato della sua squadra.

La Germania si conferma una grande nazionale, tradizione, carisma, qualità e carattere. Una squadra che sta giocando un grande calcio con i suoi fantastici 4 Klose,Muller,Ozil e Podolski la vittoria finale potrebbe arrivare, fin dall'inizio abbiamo visto una nuova Germania, bella e giovane ma che non ha dimenticato il carattere teutonico, come al solito i tedeschi arrivano sempre in fondo ma la cosa più importante è l'aver costruito una nazionale per il futuro, questo è il presente e potrebbe essere bellissimo ma gli anni che verranno potrebbero essere di questi ragazzi, Muller (89'), Ozil (88'),Podolski (85'), Neuer (86') più tantissimi altri che vanno dai 20 ai 25 anni, ci leviamo il capello davanti a questi giovani, davanti a questo modo di concepire il calcio, davanti alle politiche della federazione tedesca basata sullo sviluppo dei vivai, l'Italia in confronto è il nulla.

I tedeschi dovranno affrontare l'ARGENTINA (7,5) che ha eliminato il MESSICO (6) con il punteggio di 3-1, il risultato è bugiardo, certo la vittoria non si discute ma i messicani hanno fatto una partita generosa soprattutto nei primi minuti con la traversa piena di Salcido, grandissima occasione per Guardado con l'Argentina alle corde che però passa in vantaggio con Tevez al termine di un azione portata avanti dallo stesso con Messi ma è netta la posizione irregolare dell'attaccante del City sul passaggio di Messi, tante proteste ma Rosetti (4) convalida il goal con la collaborazione dello scarso Ayroldi (3), gara in discesa per gli argentini che raddoppiano con Higuain (7) abile nel prendere il tempo a Osorio (4) e ha giocare con la palla che finisce in rete. Nella ripresa il tris ancora con Tevez (8), rete magistrale dalla lunga distanza, classe, potenza e precisione nella sua giocata, una vera e propria fucilata. Il Messico ha tirato fuori l'orgoglio creando diverse occasioni da rete trovando il goal della bandiera con il bravo Hernandez (7), i messicani escono a testa altissima, sono stati condannati da due episodi, il fuorigioco scandaloso e l'errore di Osorio. Dal canto sua l'Argentina ha un po' deluso, certo il risultato parla chiaro ma il gioco non è stato brillante come nelle altre uscite, il centrocampo e la difesa non sono formidabili ma l'attacco è talmente forte che in un modo o nell'altro la rete arriva sempre e arriverà anche per Messi (6,5) ieri sfortunato ma sempre a disposizione dei compagni.
La Germania ci sembra più solida rispetto agli uomini di Maradona ma come detto l'attacco è talmente forte che nessuno si può concedere una disattenzione che subito viene punito. Sabato ci auguriamo di vivere una grande partita, gli argentini stanno ripercorrendo la strada di 4 anni fa, Messico agli ottavi e tedeschi ai quarti con vittoria di questi ai rigori, sabato sarà un'altra storia.

La giornata di ieri è stata caratterizzata dagli scandali arbitrali, la rete clamorosamente annullata a Lampard, la palla è entrata di mezzo metro, e il netto fuorigioco non fischiato a Tevez autore del'1-0. Quest'ultimo episodio è stato quello che ha fatto più discutere, dopo la rete il tabellone dello stadio ha riproposto l'azione, tutto il mondo ha visto così come i giocatori, Rosetti e Ayroldi che dopo essersi consultati, tra le proteste di tutti giocatori, hanno deciso di convalidare la rete nonostante la riproposizione, tutto questo perché le regole impediscono agli arbitri di avvalersi di qualsiasi mezzo tecnologico nonostante questo possa smascherare l'errore. Rosetti e Ayroldi, che si sono giocati la finale, avrebbero dovuto annullare la rete infischiandosene altamente del regolamento, hanno preferito penalizzare il Messico e salvarsi dai rimproveri FIFA, l'annullamento avrebbe avuto un grande effetto mediatico, tutti avrebbero apprezzato e lodato il comportamento del fischietto torinese che invece ha fatto una figura indegna, questo sarebbe il migliore arbitro italiano?, Altri avevano fatto meglio di lui come Tagliavento. Il presidente della FIFA Blatter dopo la giornata di ieri dovrebbe dimettersi immediatamente, dovrebbe vergognarsi per aver impedito l'ingresso della moviola in campo, è impensabile che nel 2010, anni in cui la tecnologia si è sviluppata cambiando le nostre abitudini e il nostro modo di lavorare, non sia ancora entrata nel mondo del calcio, anche Platini è sempre stato contro, dimenticando che con la moviola la sua nazionale avrebbe evitato la figuraccia mondiale. Basterebbe il microchip sul pallone per valutare il gol/non gol, basterebbe autorizzare gli arbitri a decidere e cambiare le proprie valutazioni in seguito al replay sul tabellone senza fermare il gioco come nel basket.
L'espulsione di Zidane nella finale di Berlino fu decisa dal quarto uomo che segnalò il fatto all'arbitro dopo aver visto il replay eppure la FIFA oltre a qualche rimprovero non prese nessuna decisione per cui Rosetti e Ayroldi hanno perso due volte, nell'errore durante l'azione e nel convalidare la rete dopo aver visto lo sbaglio, abbassandosi ai potenti del calcio che ieri ha perso, così come il suo presidente Blatter che in questi anni ha solo fatto danni.
Ma come al solito non cambierà mai nulla e le squadre continueranno a essere penalizzate.

Chiudiamo con gli appuntamenti odierni, alle 16:00 Olanda-Slovacchia, vedremo quanto è scarsa la nazionale di Weiss e anche quello che gli olandesi ci avrebbero fatto. Alle 20:30 il Brasile dovrà fare attenzione al pericoloso Cile. A domani Waka Waka!

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.