lunedì 29 marzo 2010

Il pagellone 04

Gentili lettori ritorna "il pagellone", la rubrica che da i voti al campionato. La 31^ giornata è stata contrasegnata dalla vittoria della Roma sull'Inter per 2-1 che porta i giallorossi a un solo punto dai neroazzurri. Non è riuscito ad approfitarne il Milan fermato sul pari da una generosa Lazio. Sempre più interessante la lotta per il quarto posto mentre in coda la situazione si va delinenando con Livorno, Siena e Atalanta a un passo dal baratro. Buona lettura.


PROMOSSI

ROMA 9 ( LA MIGLIORE): Vince meritatamente la sfida dell'anno contro l'Inter avvicinandosi ai neroazzurri ormai a un solo punto. La formazione di Ranieri domina i primi 40', oltre a trovare la rete del vantaggio crea diverse occasioni senza lasciare spazio all'Inter. Nella ripresa soffre gli ospiti che pervengono al pareggio, ma è straordinaria la reazione dei giallorossi che si riportano avanti con Toni. Ottima la gestione del quarto d'ora finale dove non si lascia schiacciare dall'Inter. E' stata la vittoria di tutto l'ambiente compresi i tifosi, Ranieri ha preparato al meglio la sfida, la Roma pressando ogni portatore di palla neroazzurro ha impedito agli avversari di ragionare. Sublime Pizzarro in assoluto il migliore centrocampista del campionato in questo momento. Il sogno continua..

PALERMO 8: Altra grande prestazione per la formazione di Rossi, 3-1 al Bologna e quarto posto rafforzato. Non patisce le assenze, su tutte quella di Cavani, a dimostrazione della validità del gruppo. Miccoli è il vero protagonista ma non è da meno Pastore. Tutta la squadra lavora compatta difendendosi in blocco e distendendosi in contropiede che è una meraviglia. La mano di Rossi è evidente.

FIORENTINA 8- : Nonostante le polemiche della vigilia tra i Della Valle e Prandelli, la viola supera nettamente l'Udinese per 4-1. Nel primo tempo gioca alla pari con l'avversario soffrendo in difesa le offensive delle punte friulane. La formazione di Marino sparisce nella ripresa e così è solo Fiorentina che si scatena giocando molto bene e andando a segno tre volte al termine di azioni corali. Con sette partite da giocare si può ancora puntare all'Europa League.

NAPOLI 7- : Seconda vittoria consecutiva per i partenopei che restano agganciati alla zona quarto posto. Nel primo tempo la squadra soffre molto il Catania che centra in pieno la traversa con Spolli dopo solo 2'. Nella ripresa i padroni di casa si svegliano mettendo sotto assedio gli avversari trovando la rete con Paolo Cannavaro. Meriterebbe sicuramente di raddoppiare ma Andujar è strepitoso. Ancora una volta lascia il primo tempo all'avversario segno di una difficoltà nell'approccio alla partita.

LAZIO 6,5: Terzo risultato utile per i biancocelesti che guadagnano un punto prezioso sull'Atalanta. Nella prima parte del primo tempo soffre tantissimo il Milan, ma dopo il vantaggio dei rossoneri ecco la reazione veemente che porta al pareggio di Lichtestainer. La Lazio non si accontenta e crea altre occasioni. Nella ripresa il tema tattico cambia con il Milan che spinge sull'acceleratore e biancocelesti che si difendono con tutte le forze e con un pò di fortuna. La sensazione è che si sia accontentata del pari, con più coraggio avrebbe potuto sbancare Milano. Reja ha rivitalizzato la squadra ricompattando un gruppo che ha ritrovato il giusto entusiasmo.

JUVENTUS 6+: Prima sufficienza per la Juventus da quando è nata la rubrica. Nel giorno della meritata contestazione, la formazione bianconera supera a fatica l'Atalanta restando agganciata al treno che porta al 4^posto. Primo tempo equilibrato con la Juve che passa in vantaggio grazie alla punizione esemplare di Del Piero, dopo la rete si spegne la luce con i bergamaschi che raggiungono il meritato pari. Nella ripresa la squadra bianconera si vede poco e trova il vantaggio grazie alla zampata finale di Felipe Melo su assist del solito Del Piero. Insomma una Juve che porta a casa tre punti sofferti e che svolge il suo compitino, l'infortunio di Diego aumenta il numero dei "rotti" senza che la società cerchi di capirne il motivo evidentemente radicato nei campi di Vinovo, un'allarme lanciato in tempi non sospetti da un certo Fabio Capello.

BARI 6: Buona prova per la formazione di Ventura che vede sfumare la vittoria nel finale. Comanda il gioco per tutti i 90' anche se le occasioni più ghiotte capitano sui piedi dei livornesi. La vittoria avrebbe consentito di sognare l'Europa ma va bene così, la stagione è stata eccezionale.

GENOA 6: Pari che lascia l'amaro in bocca a Gasperini e i suoi, la vittoria avrebbe consentito di restare in scia del terzetto a quota 48. Primo tempo blando fatta eccezione per la traversa di Ghezzal. Nel secondo tempo Gasperini osa schierando le punte a disposizione e infatti i rossoblu vanno vicinissimi al gol in più di un'occasione esaltando Curci. I tre punti non sarebbero stati uno scandalo.

PARMA 6: Buon punto in casa del Chievo, Guidolin schiera titolare Bojinov eroe del Tardini mercoledì sera. Primo tempo avaro di emozioni mentre nel secondo i ducali non disdegnano di attaccare colpendo una traversa con Zaccardo.

CAGLIARI 6: Finalmente si interrompe la serie negativa. Nulla da segnalare nel primo tempo, nella ripresa Guberti porta avanti la Samp, poi fa tutto Nenè che entra, segna e si fa espellere. Raggiunta la simbolica quota 40.

CHIEVO VR. 6:Terzo pareggio di fila per i clivensi. Dopo un brutto primo tempo, nella ripresa i padroni di casa vanno vicini al vantaggio ma il tiro di De Paula si stampa sul palo, poi subisce il Parma ma resiste bene.

RIMANDATI

MILAN 5,5: Il voto è condizionato a causa dell'ennesina occasione gettata al vento, non approffita della sconfitta dell'Inter mentre si lascia scavalcare dalla Roma. Parte benissimo portandosi ben presto avanti con Borriello grazie a un rigore dubbio, ma il vantaggio è meritato. Dopo la rete esce fuori la Lazio che mette alla frusta l'imprecisa difesa milanista che subisce il pari. Nella ripresa si vede solo il Milan che le prova tutte colpendo la traversa con Antonini, sarebbe servita una maggiore freddezza sotto porta da parte di tutti. Non c'è dubbio che l'assenza di 9 giocatori abbia penalizzato i rossoneri evidentemente troppo legati alle giocate dei singoli. Delle tre contendenti al titolo è quella che ha minori possibilità.

ATALANTA 5,5 : Esce a testa altissima da Torino dove avrebbe meritato il pareggio. La squadra è in forma e lo ha dimostrato anche ieri. Nel primo tempo gioca alla pari con i bianconeri, andando a pareggiare con Amoruso. Nella ripresa si dimostra molto aggressiva ma viene punita dalla rete di Melo. Mutti e i suoi si giocheranno tutto nella sfida di sabato contro il Siena.

SIENA 5,5: Conquista un buon punto contro il Genoa, ma c'è un pò di amarezza per non aver sfruttato il turno casalingo. Nel primo tempo colpisce la traversa con Ghezzal, nel secondo tempo il Genoa spinge e i senesi non capitolano grazie a Curci. Nel finale disperato assalto dei bianconeri ma il risultato fianle è di 1-1. La sfida di Bergamo sarà decisiva per la compagine di Malesani.

SAMPDORIA 5+: C'è molta delusione in casa blucerchiata per la mancata vittoria contro il Cagliari. Il pari stacca i genovesi dal Palermo che si fanno raggiungere da Napoli e Juve. A lasciare interdetti è la prestazione della Samp, primo tempo noioso, poi nel secondo Guberti viene spostato alle spalle di Cassano e Pazzini con il sardo che sblocca il punteggio. La formazione di Del Neri non chiude i conti e viene punita da Nenè. La squadra è sembrata molto nervosa.

CATANIA 5: Giusta sconfitta per gli etnei che giocano solo un tempo, il primo, colpendo la traversa con Spolli dopo solo 2'. Il tridente Mascara, Martinez e Lopez si fa vedere mettendo in ansia la retroguardia napoletana. Nella ripresa i rossoazzurri spariscono e vengono travolti dal gioco del Napoli che passa con Cannavaro. Andujar salva la propria porta da altre capitolazioni. Espulso Mihajlovic per proteste a causa di un rigore negato al 90'.

BOLOGNA 5: Terza sconfitta per i bolognesi, che nulla potevano davanti al Palermo e a Miccoli. La formazione di Colomba ha il merito di aver lottato e di averci creduto riuscendo a pareggiare con Adailton prima di sciogliersi. Ora l'Inter, poi finalmente sarà terminato il ciclo terribile.

BOCCIATI

LIVORNO 5: Nel giorno in cui avrebbe dovuto dare il massimo per tentare di raggiungere un'insperata salvezza, gioca male lasciando fare la partita al Bari suscitando la reazione scomposta dei tifosi. Nel finale trova il pareggio con Tavano che addiruttura sfiora il gol del 2-1 al 92'. Ormai sembra che non ci sia più nulla da fare.

INTER 5: Giusta sconfitta per la formazione di Mourinho che perde nella gara più importante dell'anno favorendo la rimonta della Roma. Nei primi 40' si vede solo la squadra di casa con l'Inter incapace di prendere le misure all'avversario, l'unico modo sono i falli sistematici che portano Morganti ad ammonire diversi giocatori che salteranno la sfida con il Bologna. Ma la forza dell'Inter si vede negli ultimi 5 minuti del primo tempo quando crea due nitide occasioni, prima la traversa di Samuel poi il tiro di Lucio. Mou deve aver strigliato i suoi nell'intervallo perchè nella ripresa partono forte andando a trovare l'incrocio dei pali con Milito, è un'assedio dei neroazzurri che trovano il pari con Milito ( azione irregolare). La Roma è brava a reagire segnando il punto del definitivo 2-1 con Toni. Campioni d'Italia sfortunati che boccano il palo con Milito, sempre lui, a 30 secondi dal termine ma il pari non sarebbe stato giusto. In generale ci è sembrata un Inter imprecisa sia in difesa che a centrocampo dove si è fatta sovrastare dai giallorossi.

UDINESE 4,5 ( LA PEGGIORE): Brutta sconfitta per i friulani che perdono 4-1 contro la Fiorentina. Eppure nel primo tempo aveva giocato meglio della viola sfruttando la velocità di Di Natale e la vena di Pepe che pareggia il gol di Vargas. Nel secondo tempo i bianconeri scompaiono lasciando fare alla Fiorentina ciò che vuole, tre gol. 49 gol subiti che fanno della difesa friulana la terza più battuta del campionato.

SPECIAL ONE: MICCOLI (10) Beh che dire! Miccoli-Bologna 3-1. Il Romario del Salento realizza una tripletta che fa volare il Palermo e lo porta a quota 13 gol stagionali. La prima e la terza rete sono bellissime, con le sue finte frega come nulla gli avversari. Non solo segna ma gioca benissimo, alla faccia della pancetta. Lippi questo ragazzo non deve stare a casa, che prevalga il buon senso.

SPECIAL FLOP: JULIO CESAR (4) Questa volta giulione l'ha combinata grossa. Gravissimo l'errore che consente alla Roma di portarsi in vantaggio, non trattiene il pallone sul colpo di testa di Burdisso dando modo a De Rossi di spingere il pallone dentro. Evidentemente per l'Inter non era serata.

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.