venerdì 26 agosto 2011

Non basta il cuore-Dotto all'Udinese, Repice ammonisce la Roma..

di Marco D'Alessandro - Europa amara già da Agosto per le nostre italiane. Roma e Udinese hanno mancato i loro obiettivi. Per la Roma un dovere, per l'Udinese un sogno.
Per i bianconeri è un'impresa mancata a cui tutti abbiamo sperato dopo la bella prestazione d'andata e dopo il primo tempo del Friuli in cui Totò Di Natale e compagni erano riusciti a pareggiare il conto di Londra. Notte appassionante, ma alla fine i Gunners l'hanno spuntata ancora e portandosi un'altra vittoria sul campo: 1-2. L'Udinese avrebbe meritato di più, nel complesso. Probabilmente avrebbe meritato un avversario più abbordabile, per coltivare un sogno che nello scorso campionato aveva nettamente meritato e guadagnato.
Notte che è stata raccontata da Emanuele Dotto, in solitaria, dalla cabina dello stadio friulano. E' stato un Dotto emozionante nelle fasi salienti, tanto cuore "Forza Udinese", con il "goooooooooooooooooool" del "Nanerottolo" Di Natale che in precedenza cadeva nella "Disdetta" del palo, e sui doppi miracoli di un Handanovic in serata super.
Nella cronaca diretta invece non è parso nella forma più smagliante, ad essere sinceri: spesso lo abbiamo sentito confondere qualche giocatore (cross di Di Natale e testa di Di Natale) o non essere troppo preciso nella descrizione di qualche azione. Strana l'assenza di una seconda voce, per la radiocronaca. Sarebbe stata utile.
Molto meglio il ritorno al timone di quel Sabato Sport che lo vede padrone incostratato. Non ce ne vogliano coloro che l'hanno sostituito durante l'estate, però una trasmissione condotta dal buon Emanuele è tutt'altra Musica, sia per divertimento, sia per contenuti, anche quando gli eventi scarseggiano. Le ore del pomeriggio passano più in fretta...



L'Udinese retrocede nell'Europa League e affiancherà la Lazio.
Per l'altra sponda della Capitale, quella romanista, siamo già alla fine delle trasmissioni. In maniera piuttosto clamorosa, i giallorossi non sono riusciti a ribaltare l'1-0 patito a Bratislava e non vanno oltre l'1-1, in una partita passata agli archivi per le scelte folli di Luis Enrique che tanto stanno facendo discutere.
Francesco Repice è stata la voce della serata dell'Olimpico, ed è stata una radiocronaca in cui il protagonista è stato Francesco Totti, il numero 10 della Roma, il grande Capitano. Tanto grande da essere l'unico che degli 11 della formazione, viene declinato con nome e cognome dal radiocronista. Prestazione che viene decantata ad ogni pallone toccato, accarezzato e gestito in presa diretta.
E' stata una radiocronaca che si è divisa in due parti: prima del cambio, dopo il cambio. Repice è vivo e pimpante prima, è totalmente gelato non appena il tecnico spagnolo opera il cambio Totti-Okaka. Il gelo più assoluto e la sensazione che il disastro fosse dietro l'angolo.
Arriverà la rete del definitivo 1-1, a voce alta, in quello che ci è sembrato un misto tra rabbia e stupore, da parte di un Repice che nei servizi del Giornale Radio di questi ultimi giorni, ha ammonito a più riprese il nuovo corso romanista, da Luis Enrique ("qualcuno faccia capire all'ex allenatore del Barca B dove è arrivato") e i piani alti, a partire da Thomas Dibenedetto ("business is business: ma al cuore dei tifosi non si comanda").

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.