venerdì 21 giugno 2013

Dietro il microfono: intervista a Carlo Albertazzi

di Massimo Raibobo Verona
Oggi la nostra intervista è dedicata a un giornalista dell' organico di Radio Rai con un passato nella redazione sportiva. Stiamo parlando di Carlo Albertazzi, attuale vice-direttore della testata.
Lei ha esordito in Tutto il calcio?
Non ho mai esordito in Tutto il calcio perchè non sono un radiocronista, che ritengo uno dei ruoli più difficili nel nostro mestiere. Ma, come dico sempre al mio amico Riccardo Cucchi, capo dello sport del Gr, prima o poi coprirò un campo. 

La sua carriera in Rai?
Sono entrato da precario al Gr2 sport, prima dell'unificazione delle testate radiofoniche, e li' sono stato assunto sotto la guida del compianto Alberto Bicchielli, grande uomo e professionista. Ma non mi ritengo un giornalista sportivo 'puro' e la mia carriera si è sviluppata soprattutto come redattore parlamentare. Nel 2002 sono tornato alla redazione sportiva come vice caporedattore e lì ho fatto in tempo a conoscere colleghi del calibro di Sandro Ciotti, Nando Martellini e Bruno Pizzul, oltre ovviamente alle 'voci' di Tutto il calcio in attività. 
Ssono poi tornato a dirigere la redazione politico-parlamentare, fino alla nomina a vicedirettore dei Gr e di Radio1, che tuttora ricopro. 
Che ruolo ha avuto nella redazione sportiva del Gr1?
Negli anni alla redazione sportiva ho fatto soprattutto lavoro di line e di conduzione. Oltre che nei gr, sono stato al microfono di Sabato sport, Zona cesarini, e tante altre rubriche. Sono sempre stato convinto che attraverso lo sport si possa raccontare la storia, la società, la cultura, le persone del nostro Paese e non solo, ed è quello che cerco tuttora di fare. 

Ora cosa fa?
Il mio lavoro ora è quello di dirigere il Gr e Radio 1 nel suo complesso e non è compito da poco; ma non rinuncio al microfono. Lo scorso anno, in vista delle olimpiadi di Londra, ho curato e condotto tredici puntate di 'Storie a cinque cerchi': da Roma 60, puntate monografiche per ogni edizione dei Giochi con ospiti un atleta azzurro medagliato e un esperto che  raccontasse in che quadro storico/politico quella edizione si era svolta. Quest'anno curo e conduco una rubrica che si chiama 'Il pescatore di perle' (www.ilpescatorediperle.rai.it) dove spesso ci capita di parlare di personaggi e avvenimenti sportivi (abbiamo da poco ricordato ad esempio in puntate monografiche Beppe Viola e Gianni Brera, Rocco ed Herrera). Nelle mie trasmissioni, ovviamente, c'è ampio ricorso al materiale delle teche rai con clip d'epoca relative ai temi trattati. 
Dalle mie risposte si capisce come segua sempre con grande attenzione lo sport e anche per il mio ruolo ho costanti rapporti con la redazione sportiva, guidata magnificamente da Cucchi; lui,  Repice, Delfino, Barchiesi sono punte di diamante di un'ottima squadra di radiocronisti. 
Quale è al momento la sua soddisfazione professionale (a livello sportivo) più grande? 
La soddisfazione piu' grande è stato il coronamento di un sogno, ovvero seguire una Olimpiade. E'  successo ad Atene 2004, ed è stata una esperienza emozionante. Come sempre Radio1 si è tramutato in canale olimpico, io conducevo lo spazio dalle 17 alle 20, quello piu' denso di avvenimenti. poi cedevo lo studio ad Alfredo Provenzali e preparavo lo speciale per il mattino successivo. 
Un suo ricordo di Alfredo Provenzali. 
A mezzanotte con Alfredo lasciavamo il centro stampa e andavamo a cena, spesso da soli perchè i colleghi finivano prima. E li' è nata una grande amicizia durata fino al luglio scorso, quando ci ha lasciato. In quei venti giorni ad Atene ho imparato moltissimo. Bastava osservare come lavorava Alfredo per imparare. Preciso, essenziale, informato, senza una sbavatura. E' stato l'ultimo esponente di una grande stagione di professionisti. Un ricordo per tutti . Due anni fa ci chiesero di portare una trasmissione in diretta dal Salone del libro di torino. Condussi da lì Domenica Sport con Alfredo e in collegamento telefonico Antonio Ghirelli. Parlammo di calcio, come piace a me e facemmo, non certo per merito mio, una bella pagina di giornalismo. 
 
Cambierebbe qualcosa nella struttura della trasmissione Tutto il calcio?
Non credo che Tutto il calcio abbia bisogno di modifiche, anche se in mezzo secolo di vita il calcio è cambiato profondamente. In particolare l'avvento della pay tv ha modificato radicalmente il rapporto del tifoso con la partita con esiti a mio avviso non sempre positivi, come il calendario eccessivamente diluito in più. 
Il calcio italiano è in crisi? Che futuro vede a livello di club e nazionali? 
I nostri club dovranno imparare a valorizzare i vivai, ma questo è un discorso che si fa da anni, in un mondo che è sempre piu' business e spettacolo che sport.  La Nazionale è forse l'ultimo baluardo di una visione romantica che stenta a sopravvivere. 

Che consigli darebbe a un ragazzo che vuole intraprendere la carriera di giornalista?
Oggi è davvero molto dura iniziare e soprattutto arrivare. L'editoria è in crisi, i giornali cartacei tendono a ridimensionarsi e il web offre  possibilità ma anche tanti rischi. Insistere, non scoraggiarsi, studiare, cercare nuove strade senza scorciatoie. E' dura, ma se c'è talento prima o poi viene fuori. 
Domandone finale: che squadra tifa?
A proposito, io sono tifoso romanista doc. Ma da giovane sono stato arbitro di calcio e la passione per quel mondo è intatta. Chiudo con un aneddoto che lega diverse cose. Da ragazzino seguivo la Roma con i miei amici in curva sud. Allo stadio presi i primi lacrimogeni della mia vita: Roma-Inter, rigore all'ultimo minuto per l'Inter segnato da Boninsegna, invasione di campo e partita sospesa (l'arbitro era Michelotti di Parma.) Anni dopo, a Michelotti che lasciava l'arbitraggio feci una delle mie prime interviste per un piccolo giornale. Due anni fa, per i suoi primi ottanta anni è uscito un libro su di lui, e io sono andato a Parma per intervistarlo e dedicargli una puntata della nostra rubrica "Inviato speciale". Ho scoperto una bella persona con tante cose da raccontare, non solo di calcio, a partire dalla sua passione per la lirica e per Verdi in particolare. Ne è nata una grande amicizia. Abbiamo presentato a Roma il suo libro, risentendo la radiocronaca di quella famosa partita degli anni '70.

0 commenti:

TICB TV

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.