#Euro2024

Il Palinsesto sportivo di Radio1Rai

SABATO 13 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 14:00-18:00 Sabato Sport
* ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour 
ore 18:00-19:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto

DOMENICA 14 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 14:00-19:00 Domenica Sport
* ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour
ore 19:30-00:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto
* EURO 2024 Finale SPAGNA-INGHILTERRA

LUNEDI' 15  LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 07:30-09:00 Radio anch'io sport

MARTEDI' 16 - VENEDI' 20 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour (aggiornamenti durante il palinsesto di Radio 1 Rai dalle 14 alle 17)

Radio1Sport
In simulcast solo le trasmissioni sportive di Radio 1 Rai.
ore 00:00-24:00 Pop Sport



#TICBemozioni

mercoledì 12 maggio 2010

Un passo nella storia - Episodio 23

Se non avesse lasciato la radio per cambiarsi un po' la vita professionale, che stava diventando monotona, probabilmente Claudio Ferretti sarebbe stato scelto per condurre Tutto il calcio minuto per minuto dopo Massimo De Luca. Gli era già capitato in alcune occasioni quando Roberto Bortoluzzi era indisposto, la voce, la professionalità, la competenza e il ritmo gli avrebbero permesso di passare benissimo dallo stadio allo studio, senza nulla togliere all'ottimo Alfredo Provenzali, anche lui giornalista competente, rigoroso e passionale. Ferretti è stato un eccellente radiocronista e, più in generale, un eccellente giornalista, cronista, abile raccontatore del costume italiano. Figlio di Mario, il radiocronista che inventò per Fausto Coppi "l'uomo solo al comando", entrò in Rai nel 1963 come collaboratore e nel 1968 vinse il concorso per radiotelecronisti. Nel 1966 il debutto in Tutto il calcio, dove rimase per 22 anni. Ma si occupò anche di atletica, pugilato e, soprattutto, ciclismo. Fu lui, tifoso laziale, a raccontare il dramma di Paparelli dallo stadio Olimpico, con quella sensibilità e quel tatto che gli anno permesso poi, dalla fine degli anni Ottanta, di occuparsi anche di fatti di cronaca. Lo ricordiamo in diretta al Tg3 a raccontare la tragedia delle Frecce tricolori a Ramstein. Telesogni e L'una italiana, su Raitre, sono state trasmissioni colte e leggere, ironiche. Erano seguitissime, ma la Rai le cancellò dal palinsesto, inspiegabilmente. L'articolo che vi propongo è di Franco Melli, ed è stato pubblicato il 31 luglio 1993 in occasione della nomina di Claudio Ferretti a capo dello sport del Tg3 come successore di Aldo Biscardi.
Roberto Pelucchi


Un uomo solo contro Biscardi
Lo sport di RAI 3 affidato a Claudio Ferretti, figlio di Mario, il radiocronista di Coppi
"Mio padre fu più' grande di Carosio: lo rovinarono l'amore per Doris Duranti e i debiti"

Trentotto anni fa, i coniugi tranquilli del suo condominio, in viale di Villa Massimo, lo giudicavano un bimbo troppo uomo per un padre troppo ragazzo. Oggi, Claudio Ferretti conserva più stupore che malinconia nello sguardo. E' il nuovo responsabile dei servizi sportivi al Tg3, ma sulla soddisfazione professionale prevalgono intime certezze: la famiglia unita, i tre figli, i capovolgimenti esistenziali, ogni follia sfrattata, senza biasimare chi si butta via. Arduo dunque preventivare dentro o fuori l'azienda, questo dopo Biscardi così soft, questo successore che non indulge al protagonismo, questo ex inviato radiofonico spesso assimilato ai cani sciolti durante i nostri pettegolezzi. Coraggioso approvargli inoltre un palinsesto settoriale rivoluzionato: arricchimento dei telegiornali con cronache, curiosità, sapori da rotocalco; nessun lunedì folcloristicamente inquisitorio; nessuna contrapposizione diretta con Biscardi; e, come rubrica centrale, il "Quasi gol" ogni giovedì (fascia oraria 22.45-24), dove verranno privilegiati esperti, competenze tecniche, didattiche d'allenamento, immagini, orientamenti totocalcistici, ritmi incalzanti, forse rintracciabili solo nell'indimenticabile "Sprint" di Barendson. Adesso quel bimbo "troppo uomo", cinquantenne pacioso, tocca ferro. Vorrebbe dire che capita. Che, a parte le scelte chissà quanto correttive, ognuno ha un destino. Vorrebbe magari sospirare, immaginando futuri raffronti audience, il giornalismo puro contrapposto al sensazionalismo purchessia di tredici stagioni; il rigore professionale agli "sgub" di recente memoria. Invece preferisce rifarsi al solito stile (o realismo?) che lo contraddistinse fin da quando s'affaccio' in Rai, appena finito il liceo, 20 febbraio 1963. Immutata umiltà, continua voglia d'apprendere.
"Perché so distinguere i miei limiti, riderci sopra, e fin d'allora non venni torturato dal cognome Ferretti. Mio padre Mario resta il più affascinante dei radiocronisti, più grande di Carosio. La leggenda l'accompagna. La famosa frase: "Un uomo solo al comando" gli venne al traguardo di Pinerolo, per un Giro di Coppi, che aveva agganciato la stessa mattina, a Cuneo. Gli esaminatori Eiar l'avevano promosso nel '39: li stupì improvvisando una Milano Sanremo". Poi, in piena popolarità, lo sfascio degli affetti privati, i creditori allertati, la passione rovinosa per Doris Duranti, una vamp già amante di Alessadro Pavolini, una "Bovary" livornese dalla quale scappare, secondo morigerati consigli formicolanti attorno allo scandalo. Il cantore di Fausto se ne innamora a un "rally" cinematografico. Dilapidatore generoso, adora respirare emozioni rischiose. Si spende a profusione. Adora certe umane follie e poi si schianta di fatica arrotondando i sempre insufficienti guadagni con copioni per Rascel e le sorelle Nava, con soggetti cinematografici, con siparietti radiofonici. Non basta. Chiede l'aspettativa. Deve espatriare: Ciudad de Trujllo, Santo Domingo, altri posti centroamericani. Pare di rileggere un romanzo d'appendice, ascoltando Claudio. Claudio Ferretti che sfuma responsabilità, che sa perdonare. "L'avrò visto sì e no cinque volte. Incontri annebbiati, qualche particolare che ogni tanto guizza ancora in mente: quando mi fece salire sulla sua Ferrari 8V rossa fiammante; quando lo ascoltai decantare la tappa del Puy de Dome; quando onorato l'affiancai al motovelodromo Appio e a un Giro dell'Appennino sterminato dal campionissimo sulla Bocchetta; quando tornando a scuola seppi di lui e Doris Duranti dai brusii commiseranti dei compagni...". Incastri di spezzoni. Claudio Ferretti tiene giusto ombre di cicatrici nell'anima. E battute spontanee: "Beh, riesco a incontrare ancora qualcuno che in un certo qual senso mi consola mormorando: avanzo tot quattrini, so che non rientrerò più di vecchi prestiti concessi a tuo padre, ma a quel genio pazzo glieli ridarei subito... Ammissioni consolanti. Intanto resto il titolare superstite della famiglia più Rai d'Italia : madre impiegata Eiar, suocera annunciatrice, suocero dirigente. E, cresciuto accanto alla radio, ho imparato ad ascoltare, ho rubato un po' ovunque i ritmi esatti, mi sono fatto l'orecchio. Purtroppo, di recente, s'è confusa l'incontinenza televisiva urlata con la necessità di interventi accordati senza massacrare la nostra lingua. Cominciarono a insegnarmi l'abc Pia Moretti, Corrado, gli interpreti de "I pattini d'argento", perfino l'annunciatrice del calendario Antonetto".
Nel 1988, Ferretti accetta la conduzione del Tg3 preserale. Archiviate alcune particolari soddisfazioni (è la voce del k.o. di Benvenuti al Palasport romano contro Monzon; è la voce del Cova di Atene, Los Angeles, Helsinki; ha inventato un Giro d'Italia al computer per il ventennale della morte di Coppi) cambia ambiente. "M'aveva stancato la seriosità dei protagonisti dello sport, il loro prendersi maledettamente sul serio. Sapevo di rimetterci in popolarità' spicciola, ma andavo ad acquisire ulteriori esperienze riguardanti l'elaborazione del giornale televisivo. D'altra parte, all'epoca di Mosca 1980 in radio m'avevano preso per matto. Stava nascendo mia figlia e rinunciai a quelle Olimpiadi. Una figlia è più importante di Mennea oppure è una reazione tutta personale a un passato triste: papà e Coppi pressoché uniti pure nello scandalo di quell'Italia bacchettona! Però noi in casa soffrivamo, a volte ci mancava l'indispensabile, la mamma sgobbava, mi tirarono su a piazza Bologna una nonna e una bisnonna. Ero un testone solitario, con interessi collaterali: la pittura, l'arte, il cinema. Nel cinema, da adolescente, mi sarebbe piaciuto qualsiasi ruolo, trovarobe compreso". Sappiamo com'è andata. Claudio Ferretti, uomo (non solo) al comando del futuro sportivo del Tg3, promette di dare quanto può. La sua maglia e' sempre Rai.
Franco Melli

0 commenti:

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

TICB TV