#Euro2024

Il Palinsesto sportivo di Radio1Rai

DOMENICA 14 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 14:00-19:00 Domenica Sport
* ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour
ore 19:30-00:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto
* EURO 2024 Finale SPAGNA-INGHILTERRA (Francesco Repice e Daniele Fortuna)

LUNEDI' 15  LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 07:30-09:00 Radio anch'io sport

MARTEDI' 16 - VENEDI' 20 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour (aggiornamenti durante il palinsesto di Radio 1 Rai dalle 14 alle 17)

Radio1Sport
In simulcast solo le trasmissioni sportive di Radio 1 Rai.
ore 00:00-24:00 Pop Sport



#TICBemozioni

venerdì 9 settembre 2011

Il calcio dà i numeri 2011/2012 - Puntata 1, Serie A

Amici e amiche di Tuttoilcalcioblog.it, torna finalmente il campionato. Un campionato che, dopo lo sciopero della prima giornata, "parte" dalla seconda, analogamente a quanto accadde nel 2002-2003, quando uno sciopero delle "piccole società" che non riuscivano a vendere i diritti tv fece saltare la prima di quel torneo, poi vinto dalla Juventus. Un campionato che si presenta ricco di temi: stasera, come da copione, ad inaugurare il torneo è la squadra campione d'Italia uscente, il Milan, che ospita la Lazio, che si è ben rafforzata nell'ultimo mercato, facendo dei capitolini una pericolosa mina vagante. I campioni hanno ceduto Pirlo, ma hanno confermato e migliorato la rosa che ha conquistato il 18° titolo. I rossoneri sono ancora gli unici veri favoriti del torneo e cercano una rivale, che i media individuano spesso nel Napoli, che debutta domani a Cesena: terzi l'anno scorso, gli uomini di Mazzarri dovranno saper gestire il doppio impegno campionato-Champion's, e non sarà semplice. Alle 12.30 di domenica si inaugura, invece, il nuovo stadio della Juventus, che ospita in casa il Parma: a nostro modesto parere, proprio i bianconeri potrebbero essere la candidata più seria al ruolo di anti-Milan. La società torinese ha fatto, per la prima volta dopo il nefasto 2006, un mercato intelligente (eccetto il trattamento, un po' "particolare", a Ziegler), acquistando forti giocatori come Vidal, Pirlo (anche se il bresciano non è più quello di 5-6 anni fa, vittima dell'età) e, soprattutto, Mirko Vucinic, funambolico attaccante ex-Roma, capace di fare l'esterno e il centravanti. Se il montenegrino trova la giusta continuità, come nei migliori anni romani, la Juventus (che, col nuovo stadio, torna a ergersi come un esempio da seguire per il pallone italiano) può dire certamente la sua. Nel pomeriggio, tra le sfide salvezza e le ambizioni di Fiorentina e Udinese, spicca il clou Roma-Cagliari: la società capitolina, quest'estate, ha svoltato con la nuova proprietà. Il telaio è fortissimo, sia in prospettiva, sia per questo campionato (la A, da anni, è ad un livello basso: basta poco per lottare per il titolo, come insegna la stessa Roma nel 2009-2010) e, in teoria, potrebbe puntare, se non al titolo, ai primi tre posti della classifica finale. A convincerci poco è, però, la gestione tecnica: Luis Enrique è davvero una scelta azzeccata? In Europa League, contro lo Slovan Bratislava (fin lì conosciuti solo per uno spettacolo del comico Paolo Rossi, dedicato a Beccalossi e a due rigori sbagliati dall'interista), ha già fallito, lasciando la Roma clamorosamente senza Europa. E poi ci sono i continui "casi-Totti" che, come l'anno scorso, potrebbero non aiutare i giallorossi. Vedremo... Chiude la seconda (prima) giornata il posticipo, tra Palermo e Inter: i nerazzurri sono l'incognita del campionato, e l'impressione che si ha è che, nel dopo-Mou, la formazione milanese stia andando, soprattutto come idee di mercato, verso un'involuzione: la clamorosa gaffe con Forlan lo dimostra. Senza Eto'o e con una gestione tecnica da valutare (Gasperini e la sua difesa a tre reggerano? O faranno la fine di Benitez?), i nerazzurri sono la vera incognita del campionato. Il Palermo, invece, è in piena crisi tecnica: la squadra rosanero esce a pezzi dal mercato e senza Europa. Il loro campionato, forse, potrebbe non essere così sereno e ambizioso come quelli del recente passato.

Chiudo con un annotazione: i più attenti, hanno visto che ho parlato di "primi tre posti", e non "primi quattro". Il calcio italiano, da quest'anno, perde una qualificata in Champions League, in quanto scavalcata dalla Bundesliga al 3° posto della classifica UEFA dei campionati più competitivi. Un risultato triste, figlio di Calciopoli e di tutto quello che ne è derivato: fuga di campioni, declassamento di società gloriose, perdita di cifra tecnica e di credibilità a favore del torneo inglese e spagnolo. E poi c'è la questione stadi, dove siamo indietro persino alla Polonia: in questo senso, va citata la Juventus, che proprio ieri ha inaugurato uno splendido gioiellino. Anche per questo, i bianconeri, per noi, sono in prima fila nella corsa al titolo: dopo l'umiliazione calciopolina, i torinesi tornano ad essere esempio ed orgoglio per il calcio italiano. Una motivazione non da poco.


Andiamo ora a conoscere, come di consueto, statistiche e curiosità di questa giornata d'esordio del campionato, la seconda in calendario dopo il rinvio, causa "sciopero", della prima giornata.





Venerdì 9-9-2011, ore 20.45
Milan - Lazio Considerata questa come la giornata d'esordio, le due squadre si affronteranno al debutto in campionato dopo cinque anni esatti: l'ultima volta accadde il 10 settembre 2006, prima giornata del torneo che le vedeva entrambe penalizzate dalle sentenze calciopoline. La partita finì 2-1 per il Milan con gol di Inzaghi, Oliveira e Rocchi. Nel febbraio scorso l'ultimo punticino per i laziali, che non vincono nella San Siro rossonera in campionato dal settembre 1989 (0-1, autogol di Paolo Maldini), centrando successi solo in Coppa Italia (1-2 nel febbraio 2004 e nel novembre 2008).
Arbitro: Rocchi. Precedenti in Serie A: vittorie Milan 39, pareggi 20, vittorie Lazio 9. Ultima sfida in A: Milan - Lazio 0-0 (2010-2011).

Sabato 10-9-2011, ore 20.45
Cesena - Napoli Il Cesena non si è mai imposto sui partenopei in 11 precedenti. Il 26 settembre 2010 netto 4-1 per gli ospiti: a segno Parolo, Lavezzi, Hamsik e due volte Cavani. E' la prima partita del campionato italiano giocata su un terreno sintetico, soluzione adottata anche dal Silvio Piola di Novara.
Arbitro: Bergonzi. Precedenti in Serie A: vittorie Cesena 0, vittorie Napoli 6, pareggi 5. Ultima sfida in A: Cesena - Napoli 1-4 (2010-2011).

Domenica 11-9-2011, ore 12.30
Juventus - Parma Il nuovo stadio della Juventus si inaugura col primo anticipo della stagione programmato alle 12.30: è la terza volta (seconda di fila a Torino) che bianconeri e gialloblù giocano all'ora di pranzo. Finora si registrano un pari (1-1 nel 2000, ma a Parma) e una netta vittoria dei gialloblù (clamoroso 1-4 nel confronto dello scorso campionato, il 6 gennaio: in evidenza Giovinco, doppietta). In assoluto, la Juventus non batte il Parma in casa dal 16 aprile 2008: 3-0.
Arbitro: Celi. Precedenti in Serie A: vittorie Juventus 11, vittorie Parma 3, pareggi 5. Ultima sfida in A: Juventus - Parma 1-4 (2010-2011).

Domenica 11-9-2011, ore 15.00
Catania - Siena I padroni di casa non hanno mai battuto il Siena in Serie A: al Massimino, tre pareggi (1-1 nel 2006/07, ma sul neutro di Rimini; 0-0 nel 2007/08 e il 2-2 dell'ultimo confronto datato 25 aprile 2010) e un successo roboante toscano, per 0-3, l'8 febbraio 2009.
Arbitro: Banti. Precedenti in Serie A: vittorie Catania 0, vittorie Siena 1, pareggi 3. Ultima sfida in A: Catania - Siena 2-2 (2009-2010).

Chievo - Novara Primo confronto in A tra gialloblù e azzurri piemontesi, che si sono tuttavia affrontati nella scorsa stagione di Coppa Italia, con vittoria dei veronesi per 2-0.
Arbitro: Peruzzo. Nessun confronto in Serie A.

Fiorentina - Bologna Viola a secco contro gli emiliani dal 2008-2009: successo per 1-0 nell'ultimo confronto tra le due nel mese di settembre, partita decisa da Gilardino. Nei due campionati successivi sono giunti un successo bolognese (1-2 nel gennaio 2010) e il pari dello scorso 15 maggio 2011, nell'ultimo anticipo delle 12.30 della scorsa stagione.
Arbitro: Guida. Precedenti in Serie A: vittorie Fiorentina 31, vittorie Bologna 13, pareggi 16. Ultima sfida in A: Fiorentina - Bologna 1-1 (2010-2011).

Genoa - Atalanta Orobici senza successi nella Marassi rossoblù dal 1992 (0-2). Negli ultimi tre confronti, due successi genoani (2-1 nel 2007-2008 e 2-0 nell'ultimo confronto, ivi disputato il 24 gennaio 2010) e un pari (1-1 nel dicembre 2008).
Arbitro: Rizzoli. Precedenti in Serie A: vittorie Genoa 15, vittorie Atalanta 4, pareggi 8. Ultima sfida in A: Genoa - Atalanta 2-0 (2009-2010).


Lecce - Udinese Una vittoria pugliese (il 2-0 dell'ultimo confronto, nello scorso aprile) e un pari (2-2 nel 2008-2009) hanno contrassegnato gli ultimi due confronti. Udinese "a secco" dal 2005-2006: 2-1 friulano.
Arbitro: Damato. Precedenti in Serie A: vittorie Lecce 7, vittorie Udinese 4, pareggi 1. Ultima sfida in A: Lecce - Udinese 2-0 (2010-2011).

Roma - Cagliari I rossoblù cercano un'impresa che all'Olimpico manca dal novembre 1968: 1-4, ma era il Cagliari di Riva. Il pari manca dalla stagione 1999-2000, quando gli uomini di Capello furono bloccati sul 2-2 dai sardi ultimi in classifica. Poi, sette successi consecutivi dei romani, l'ultimo dei quali il 24 gennaio scorso: 3-0, rigore di Totti, Perrotta e Menez. Si è trattato dell'ultimo successo in campionato di Claudio Ranieri sulla panca capitolina.
Arbitro: Gava. Precedenti in Serie A: vittorie Roma 16, vittorie Cagliari 2, pareggi 14. Ultima sfida in A: Roma - Cagliari 3-0 (2010-2011).

Domenica 11-9-2011, ore 20.45
Palermo - Inter Il 10 settembre 2005 l'ultimo successo rosanero, per 3-2: curiosamente, anche quella era la seconda giornata di campionato in calendario. Decisero la partita Corini, Terlizzi, Makinwa; nel finale, una doppietta di Cruz addolcì la pillola agli uomini di Mancini. Lo scorso anno decise la doppietta dell'ormai ex interista Eto'o, che regalò il primo successo esterno a Benitez. Il Palermo era andato in vantaggio con Ilicic. L'ultimo pari è l'1-1 del 19 marzo 2010 (Milito rigore, Cavani).
Arbitro: Brighi. Precedenti in Serie A: vittorie Palermo 4, vittorie Inter 9, pareggi 11. Ultima sfida in A: Palermo - Inter 1-2 (2010-2011).

Finisce qui la prima puntata de "Il calcio dà i numeri". Appuntamento a martedì con le partite di Milan, Inter e Napoli in Champions League e i numeri ad essa correlati. Dalla nostra redazione un sereno weekend a tutti voi lettori.

0 commenti:

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

TICB TV