#EuroAtletica2024 #Roma2024

#TICBemozioni

Il Palinsesto sportivo di Radio1Rai

MERCOLEDI 12 GIUGNO 2024
Radio1Rai
ore 8:20, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 21:05 Zona cesarini
*Atletica Leggera - Campionati Europei ROMA 2024 (D.Fortuna-G.Prioreschi)
*Basket - Serie A2, Finale playoff  TRIESTE-CANTU' (S.Franco)
Radio1Sport
ore 11:05 Palla al centro
ore 13:30 Pop Sport
ore 14:05 Numeri primi (replica)
ore 14:30 Pop Sport
ore 17:05 Tempi supplementari
ore 19:30 Pop Sport
ore 21:05 Simulcast con Radio1Rai
lunedì 18 giugno 2012

Euro 2012: 3^ giornata girone C


Quattro giorni a produrre biscotti e a capire come ce li avrebbero serviti ed invece ci ritroviamo ai quarti di finale. Si dice sempre che il calcio italiano deve cambiare ma in realtà, forse (ahinoi!), non cambierà mai. Non è concepibile che si sia pensato per quattro giorni a cosa avrebbero fatto Spagna e Croazia senza invece guardare prima e SOLO ai fatti nostri. Tutti, ma proprio tutti, hanno pensato ai “biscotti”. Ebbene, ammesso e concesso che i “tarallucci”, gli “abbracci”, “le macine”, chiamateli come volete, avessero eliminato l’Italia, cosa ci sarebbe stato di così vergognoso? Personalmente credo nulla. L’Italia nelle prime due partite ha affrontato la Spagna, pareggiando per 1-1 e giocando a tratti bene, e poi la Croazia contro cui avremmo dovuto vincere visto anche il vantaggio iniziale e la superiorità numerica. Quindi, dico io, se l’Italia fosse stata eliminata la colpa non sarebbe stata certo dei “biscotti”, tra l’altro buoni a qualsiasi ora del giorno e della notte, ma solo degli Azzurri. Invece adesso ci ritroviamo ai quarti e ci sarebbe da chiedere, grazie a chi? Grazie alla Spagna, che ha battutto soffrendo per 1-0 la Croazia? Grazie alla Croazia, che invece ha giocato a viso aperto contro gli spagnoli “rischiando” di vincere e qualificarsi proprio a danno degli iberici? No. E’ solo merito del calcio giocato senza cercare alibi ai propri limiti. Purtroppo in Italia si deve sempre pensare agli altri e non a ciò che si fa sul campo per cercare di battere gli avversari. Fino a quando non si cambierà mentalità non cambierà nulla. Di certo c’è poco da essere felici perché sia Spagna e Croazia, quest’ultima seppur eliminata, ridono del nostro modo di pensare. Quindi per favore come dice la pubblicità di una nota marca di biscotti “FATE I BUONI” e non proviamo a rovinare lo spettacolo e le emozioni del calcio giocato. Spagna e Italia dunque vanno ai quarti e domani conosceranno le loro avversarie.       

Girone A
8/6, Polonia-Grecia: 1-1
8/6, Russia-Repubblica Ceca: 4-1
12/6, Grecia-Repubblica Ceca: 1-2
12/6, Polonia-Russia: 1-1
16/6, Repubblica Ceca-Polonia: 1-0
16/6, Grecia-Russia: 1-0
Classifica: Repubblica Ceca 6, Grecia e Russia 4, Polonia 2. (Repubblica Ceca e Grecia qualificate ai quarti di finale)

Girone B
9/6, Olanda-Danimarca: 0-1
9/6, Germania-Portogallo: 1-0
13/6, Danimarca-Portogallo: 2-3
13/6, Olanda-Germania: 1-2
17/6, Portogallo-Olanda: 2-1
17/6, Danimarca-Germania: 1-2
Classifica: Germania 9, Portogallo 6, Danimarca 3, Olanda 0. (Germania e Portogallo qualificate ai quarti di finale)

Girone C
10/6, Spagna-Italia: 1-1
10/6, Irlanda-Croazia: 1-3
14/6, Italia-Croazia: 1-1
14/6, Spagna-Irlanda: 4-0

Croazia-Spagna: 0-1
marcatore: 88’ Navas.

Irlanda-Italia: 0-2
marcatori: 35’ Cassano, 90’ Balotelli.

Classifica: Spagna 7, Italia 5, Croazia 4, Irlanda 0. (Spagna e Italia qualificate ai quarti di finale)


Girone D
11/6, Francia-Inghilterra: 1-1
11/6, Ucraina-Svezia: 2-1
15/6, Ucraina-Francia: 0-2
15/6, Svezia-Inghilterra: 2-3
Classifica: Francia e Inghilterra 4, Ucraina 3, Svezia 0.
Prossime partite: Inghilterra-Ucraina (19/6 ore 20.45), Svezia-Francia (19/6 ore 20.45).

In caso di parità tra due o più squadre si considerano nell’ordine: 1) i punti negli scontri diretti; 2) la differenza reti negli scontri diretti; 3) i gol realizzati negli scontri diretti (quando c’è parità almeno tra tre squadre); 4) la differenza reti generale; 5) i gol segnati nel gruppo; 6) la posizione nel ranking Uefa; 7) la classifica fair-play; 8) il sorteggio.

Quarti di finale
21/6, Varsavia, ore 20.45: Repubblica Ceca-Portogallo (1)
22/6, Danzica, ore 20.45: Germania-Grecia (2)
23/6, Donetsk, ore 20.45: Spagna-2^ gir. D (3)
24/6, Kiev, ore 20.45: 1^ gir. D-Italia (4)

Semifinali
27/6, Donetsk, ore 20.45: vinc. 1-vinc. 3
28/6, Varsavia, ore 20.45: vinc. 2-vinc. 4

Finale
1/7, Kiev, ore 20.45


Classifica marcatori: Dzagoev (Russia), Gomez (Germania) e Mandzukic (Croazia) 3, Shevchenko (Ucraina), Pilar (Repubblica Ceca), Bendtner (Danimarca), Fabregas (Spagna), Torres (Spagna), Mellberg (Svezia), Jiracek (Repubblica Ceca), Krohn Delhi (Danimarca) e Ronaldo (Portogallo) 2, Lewandowski (Polonia), Salpingidis (Grecia), Shirokov (Russia), Pavlyuchenko (Russia), Di Natale (Italia), St. Ledger (Irlanda), Jelavic (Croazia), Lescott (Inghilterra), Nasri (Francia), Ibrahimovic (Svezia), Gekas (Grecia), Blaszczykowski (Polonia), Pepe (Portogallo), Postiga (Portogallo), Varela (Portogallo), Van Persie (Olanda), Pirlo (Italia), Silva (Spagna), Menez (Francia), Cabaye (Francia), Carroll (Inghilterra), Walcott (Inghilterra), Welbeck (Inghilterra), Karagounis (Grecia), Van der Vaart (Olanda), Podolski (Germania), Bender (Germania), Navas (Spagna), Cassano (Italia) e Balotelli (Italia) 1.

Appuntamento a domani con le gare della terza giornata del girone D che chiuderanno la fase a gironi di questo campionato europeo.
Emanuele Pinto

1 commenti:

Sergio ha detto...

Ottima riflessione, concordo al 100%! Purtroppo la mentalità di cui scrivete è parte integrante del costume italiano non solo nel calcio... C'è sempre qualcun'altro che è responsabile, che trama per farci fallire, poi invece quando si "passa il turno" ci si sbrodola in complimenti sul nostro cuore, sul nostro coraggio, come se fino a poco prima non ci si fosse concentrati solo su quello che facevano gli altri! Ahimè, mentalità dura a morire!!!

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

TICB TV