Il Palinsesto sportivo di Radio1Rai e Radio1Sport

 
MERCOLEDI 25 MAGGIO 2022
Radio1Rai
ore 08:25, 13:25, 19:25 e 00:20 Gr1 Sport
ore 15:05, 15:35, 16:05, 16:30 SULLE STRADE DEL GIRO, 16a tappa
ore 20:55 Zona Cesarini
*Conference League ROMA-FEYENORD, Finale (G.Bisantis)

Radio1Sport
ore 10:05 Tutto il calcio minuto per minuto STORY
ore 11:05 Palla al centro
ore 13:30 Pop Sport
ore 14:05 Numeri Primi (Replica)
ore 14:30  Pop Sport
ore 15:05 Il caffè di Radio1Sport
ore 16:30 Simulcast con Radio1Rai
ore 18:05  Tutto il calcio minuto per minuto STORY
ore 19:30  Pop Sport
ore 20:55 Simulcast con Radio1Rai



venerdì 31 gennaio 2014

Navigando Navigando 21: Luca Liguori eccezionalmente in tv per l'argento Olimpico della Giordani


di Fabio Stellato

Navigando Navigando questa settimana vi raccontiamo la storia di Claudia Giordani, figlia del compianto Aldo, che ai giochi Olimpici invernali di Innsbruck del 1976 vinse la medaglia d'argento nello slalom speciale; grazie a Lucio Celletti ed al suo archeologiadellosport.com rivivremo la gara con la telecronaca di Luca Luguori, storica voce del GiornaleRadio (conduttore di Chiamate Roma 3131), che negli anni '70 ha anche occasionalmente fatto parte della squadra di Tutto il calcio minuto per minuto. Questa fu l'unica telecronaca di Liguori (che era inviato del Gr2), chiamato all'ultimo momento a sostituire l'influenzato Guido Oddo, all'epoca voce televisiva dello Sci.
Diversamente dal solito, questa volta non vi proponiamo solo il video della gara, ma vi vogliamo far leggere anche un bello scritto a firma di Marco Tonelli, che campeggia sulle pagine di storiedisport.it




                 Quando l’altra metà del cielo si mise gli sci
                                                                          di Marco Tonelli - www.storiedisport.it

Capelli corvini, viso rotondo, Claudia respira sport dal primo giorno che viene al mondo, il 27 ottobre 1955 a Roma, con quel padre dalla voce inconfondibile, che di professione fa il giornalista sportivo e una madre, Franca Cipriani, ex giocatrice di pallacanestro di buon livello.
Papà Aldo è stato buon giocatore pure lui, ma dal 1954 è telecronista RAI, e per la competenza con cui racconta in televisione le imprese dei giganti del basket a un paese che vanta una popolazione dall’altezza media di un metro e settanta – storicamente ammalata solo di calcio – la gente lo rispetta e lo stima. Sembra un cantastorie di marziani, ma piace.
Quando la sua piccola principessa comincia ad avere gli anni per la pratica sportiva sembra logico avviarla al minibasket, ma Claudia ha altro per la testa: proverà anche l’atletica e il pattinaggio, ma poi si innamorerà a dieci anni dello sci, e sarà per sempre.
Claudia inizia a frequentare la scuola del Sestriere: è caparbia, determinata, vince quasi da subito ed esordisce appena quindicenne in Coppa del Mondo. La Valanga Azzurra dei Gustav Thöni e dei Pierino Gros si sta affermando a forza di vittorie e lei, appena diciassettenne, il 15 marzo 1973 pensa bene di toglier loro un po’ di ribalta, salendo per la prima volta sul podio di Coppa del Mondo a Naeba in Giappone. La Valanga Azzurra adotta immediatamente la ragazzina e diventa grazie a lei un po’ meno rude e un po’ più rosa.
Per la prima vittoria occorrerà aspettare l’anno seguente, ancora in slalom gigante, ma la sua sarà una carriera costellata di successi in tutte le specialità, soprattutto nei campionati nazionali, dove il suo predominio la porterà a conquistare quattordici titoli assoluti tra il 1973 ed il 1979, di cui uno in discesa, due in combinata e gli altri quasi equamente divisi tra lo slalom speciale (cinque) e il gigante (sei). In Coppa del Mondo resterà a lungo la nostra atleta di punta.

Sono gli anni della invincibile Annemarie Moser-Pröll, e il movimento sciistico femminile italiano è veramente poca cosa, ma Claudia, una cittadina prestata alla montagna, quasi una intrusa con quel cognome così italiano di pianura, ha un carattere che pare forgiato nell’acciaio, nulla da invidiare a quello dei nativi degli altipiani. E poi sa sognare: per questo non si dà per vinta e tutti la rispettano, la temono. Continua per anni la sua lotta contro i mulini a vento e contro le leggende, quasi aspettasse il giorno buono per batterle. E quel giorno sembra arrivare l’11 febbraio 1976 sulle nevi di Innsbruck, dove si disputa la XII edizione dei Giochi Olimpici invernali.
Claudia si arrampica lassù, a un passo dall’infinito; pensa perfino di poterlo toccare o, chissà, rubare, deve solo affrontare l’ultima discesa, una manciata di secondi, per avere ragione della tedesca che ora la sopravanza.
Rosi Mittermaier è una specie di uomo prestato allo sci femminile, ha già sul collo l’argento dello slalom gigante e l’oro della discesa libera, e adesso è giù nel parterre a osservare col cuore in gola quella ragazzina italiana irriverente e ostinata che è l’ultimo ostacolo tra lei e la leggenda.
Ha un maglione ed un cappellino bianco, Claudia, quando esce dal cancelletto per la sua seconda manche, e man mano che procede verso valle le sue traiettorie sembrano tracciate dalla mano precisa di un abile disegnatore o dall’eleganza di una ballerina. Il cronometro scorre e lei lo aggredisce come e più della sua rivale teutonica. Sembra davvero tutto possibile, ma poi succede qualcosa, e quando con un movimento brusco si toglie il cappellino calatole sugli occhi, e i suoi capelli corvini scompigliati dal vento si liberano restituendole una femminilità improvvisa, ci pare che tutto sia scritto, che l’incantesimo si sia irrimediabilmente rotto.
Sarà stato per quello, sarà stato che Rosi Mittermaier quel giorno aveva un appuntamento improrogabile con la storia, fatto sta che alla fine trentatré centesimi privarono Claudia dell’oro, pur consegnandole l’argento che né lei né noi avremmo mai sognato.

In totale saranno tre le vittorie in campo internazionale, ma la sua sarà comunque una carriera svolta ad alto livello. Nel 1980, dopo l’ultima vittoria a Saalbach-Hinterglemm, Claudia decide di appendere gli sci al chiodo, forse rendendosi conto che il suo mondo sta cambiando: la generazione che le aveva fatto da balia, quella dei campioni che le bandierine neanche potevano guardarle, per non dire sfiorarle, sta per tramontare, ed un’altra fatta di giovani audaci, a cui moderni regolamenti concederanno in nome della velocità e dello spettacolo pure di abbatterle, sta per soppiantarla.
Claudia ha venticinque anni, saluta e se ne va, come una principessa che abdica a un nuovo corso, lei che aveva colto l’attimo della sua eternità sportiva nella città austriaca dove si respira ancora oggi aria di Impero e principi.
Era stato quello il primo vero giorno in cui l’altra metà del cielo, nel nostro paese, si era messa ufficialmente gli sci. Chissà cosa le avrà detto papà Aldo quella sera, lui che di storie di marziani ne aveva raccontate tante.



INNSBRUCK 1976 SLALOM DONNE ARGENTO CLAUDIA... di archeosport


-->

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Grandissimo Luca Liguori! Oltre che a 3131 (quando ero proprio piccolo piccolo) lo ricordo conduttore della rubirca religiosa "Oggi è domenica" dopo il Gr2 delle 7.30 (della domenica, ovviamente), tutt'altra cosa da quel pastone informe che spacciano adesso su RadioUno prima dell'Angelus. E poi anche come lettore dello stesso Gr2 delle 7.30. Lo ricordo bene anche in video, dato che, per un certo periodo, ad "Unomattina" si collegavano con il Gr2 delle 7.30 per fare sentire i titoli. Opportunità unica per vedere in faccia tanti giornalisti di cui per anni si era sentita solo la voce (Palandri, Mingoli, Albertario, Signoretti, Morbelli...).
Francesco

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

TICB TV

Palinsesto #Radio1Sport

TICB TV LIVE