#Euro2024

Il Palinsesto sportivo di Radio1Rai

SABATO 13 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 14:00-18:00 Sabato Sport
* ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour 
ore 18:00-19:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto

DOMENICA 14 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 14:00-19:00 Domenica Sport
* ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour
ore 19:30-00:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto
* EURO 2024 Finale SPAGNA-INGHILTERRA

LUNEDI' 15  LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 07:30-09:00 Radio anch'io sport

MARTEDI' 16 - VENEDI' 20 LUGLIO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 17:00-17:45 Sulle Strade del Tour (aggiornamenti durante il palinsesto di Radio 1 Rai dalle 14 alle 17)

Radio1Sport
In simulcast solo le trasmissioni sportive di Radio 1 Rai.
ore 00:00-24:00 Pop Sport



#TICBemozioni

lunedì 10 marzo 2014
16:17

La Radio-Pagella 2013-2014 Puntata 28

#tuttoilcalcioblog
di Francesco Furlan

Giornata assai interessante: da segnalare le ottime prestazioni di Cucchi (in ripresa dopo l’infortunio di Inter-Cagliari, ma non avevamo dubbi), Delfino e Dotto. Positivo l’esordio del (per me) sconosciuto Antonio Gnoni, che dopo un inizio piuttosto tremebondo, si è ripreso molto bene nella seconda parte di Palasport, nonostante un difetto di pronuncia comune anche ad un altro celebre pugliese.

Vincitore di giornata: Francesco Repice. Ribadisco ancora una volta un’impressione che mi sta accompagnando dall’inizio della stagione: Repice riesce a raccontare meglio partite non ricchissime di episodi o con tensione non particolarmente elevata. Per carità: di motivi di tensione per Juventus-Fiorentina ce n’erano eccome, ma sul campo (come sottolineato dal nostro) la partita è stata quanto mai corretta e senza particolari problemi. Così, quando non è preso dalla smania di caressizzare tutto, Repice riesce a far sentire appieno il suo straordinario ritmo partita e la sua capacità di lettura di quanto accade in campo, specialità in cui è senza dubbio uno dei migliori. La classica caressata sul gol di Asamoah stavolta resta incompiuta (per fortuna), probabilmente perché neanche lui si aspettava una conclusione così repentina del ghanese. Benissimo per tutto il resto dei novanta minuti, che scorrono piacevolmente anche grazie alla collaborazione di un Marino oramai perfettamente a suo agio nel ruolo di seconda voce.

Top

Massimo Barchiesi: dopo due settimane di assenza, il buon Massimo torna in un’integrale, stavolta nel “prime time” del sabato. Come osservava l’amico Marco D’Alessandro sul muro, Barchiesi è uno dei migliori nel far “entrare” l’ascoltatore nella partita (caratteristica che emerge ancor di più quando racconta il basket). Ottimo nel ritmo anche sabato sera, nonostante una partita non particolarmente spettacolare. Buoni anche gli interventi di Pandolfini, nonostante nel finale si perda per strada la collocazione tattica di Biraghi (“allora: Tizio a sinistra, Caio a destra, Sempronio a supporto delle punte e Biraghi…boh!”). Un solo piccolo appunto: nella concitazione dell’ultimo quarto d’ora, ascoltando Barchiesi, mi è venuta in mente una battuta del grande Giovannino Guareschi che negli anni sessanta diceva: “Quando voglio sentir parlare un ottimo Italiano alla TV, mi sintonizzo sulla Svizzera Italiana”. In effetti, in qualche circostanza, sembrava di essere su Radio Castelli Romani, più che su RadioUno.

Massimo Zennaro: bella doppietta anche per l’altro Massimo, la voce del Veneto. In collegamento abbastanza a sorpresa nella puntata di sabato, se la cava molto bene, anche grazie alla partita piuttosto divertente dell’Euganeo. E’ talmente in palla, che sul gol di Improta tenta addirittura di interrompere un intempestivo Abatantuono. Peccato, perché quando Corsini gli ridà la linea, il pathos è già scemato. Molto buono anche nella cronaca delle vittoria clivense di domenica, dove prende benissimo tutti gli episodi più importanti, inserendosi bene in un pomeriggio che, nonostante l’assenza delle partite di cartello, scorre via in modo assai piacevole.

Simonetta Martellini/Manuela Collazzo: piacevole sorpresa quella di risentire la Martellini in cronaca dal giardino di casa. Nell’epoca delle cronache spesso rutilanti ed un poco eccessive, il suo tono sempre un poco soft e rilassante, ma molto preciso anche nei momenti più concitati suona come un graditissimo ritorno al passato (e prego di intenderlo come un complimento). Non le viene consentito di replicare anche domenica, dato che la sua presenza è richiesta alla conduzione di una bella puntata di Palasport (meglio approfittarne, finché non ci sono partite alle 18.30…). In questo caso, cede il testimone a Manuela Collazzo, la quale coglie benissimo l’occasione, raccontando da par suo il netto successo di Piacenza. Molto bene anche nelle interviste post-partita: per colei che è destinata a diventare la prima voce del volley, un bell’esordio in una grande manifestazione.

Flop

Giuseppe Bisantis: dura, durissma raccontare una partita fra il AC Gallianese-Giannino e la squadra meno in forma del campionato. Ad onta di un Sebastiano Franco in ascesa, Bisantis fatica moltissimo. Cade nel trappolone del salotto già nel primo tempo (con la rubrica “Vita, morte e miracoli di Valter Birsa”) e si accomoda nel solito tran-tran del “Tizio a Caio, Caio a Sempronio etc.”, segnale tipico della pochezza di una partita quando la racconta lui. Si riscatta bene nel secondo tempo (ottimo il racconto del Presepe Napoletano inscenato dalla difesa rossonera sul gol di Di Natale), ma onestamente abbiamo sentito Bisantis migliori.

Il blob dei gol: evidente che questa settimana il montaggio sia stato di competenza di un tecnico palesemente tifoso dell’Hellas. Già la giornata era stata piuttosto parca di gol (come opportunamente ricordato da Zauli), se poi saltano: il primo gol del Parma (preso benissimo in diretta da Dotto), il primo gol del Livorno ed entrambi i rigori di Paloschi (guarda il caso, tutte squadre con cui i tifosi veronesi, o per motivi storici o per motivi contingenti, hanno ben poco feeling), il moncone risulta piuttosto misero. Peccato, perché con il per nulla doloroso taglio di “Gr1 motori”, la fine della trasmissione all’antico orario delle 23.40 aveva quasi del tutto abolito gli inconvenienti sul nostro amatissimo blob.

0 commenti:

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

TICB TV