#Euro2024

Il Palinsesto sportivo di Radio1Rai

VENERDI' 21 GIUGNO 2024
Radio1Rai
ore 08:25, 13:20, 19:20, 00:20 Gr1 Sport
ore 14:30-17:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto
*ore 15:00 SLOVACCHIA - UCRAINA
ore 17:50-20:00 Tutto l'Europeo minuto per minuto
*ore 18:00 POLONIA - AUSTRIA
ore 20:50-23:30 Tutto l'Europeo minuto per minuto
*ore 21:00 OLANDA - FRANCIA 
Radio1Sport
In simulcast solo le trasmissioni sportive di Radio 1 Rai.
ore 00:00-24:00 Pop Sport

#TICBemozioni

lunedì 19 dicembre 2011

Il pagellone: QUAGLIA E PEPE!

Gentili lettori ben ritrovati, ritorna il pagellone per commentare la 16esima giornata del campionato, 15esima effettiva, che ci ha lasciato la Juventus in solitaria alla testa della classifica complice il pareggio tra Lazio e Udinese. Milan ok, occhio a Inter e Roma che risalgono la classifica. Domani nuovamente in campo, mercoledì Udinese-Juventus.


Partiamo dalla capolista JUVENTUS (7) che ha battuto il NOVARA (5) per 2-0. Vittoria scontata e facile per i bianconeri passati subito in vantaggio con Pepe (7), il preludio alla goleada che non c'è stata viste le tantissime occasioni fallite soprattutto nel primo tempo per arrotondare il punteggio. La vittoria non è mai stata in discussione, troppa la differenza in campo, troppa la sicurezza juventina al cospetto dell'avversario. Nella ripresa il gol di Quagliarella (7) a segno dopo un anno, siamo felici per il recupero del giocatore che ora potrebbe lottare per rientrare nel giro azzurro. Solita prestazione di Pirlo, così così Del Piero (5,5) che non riesce a segnare nel nuovo stadio, diverse le occasioni mancate dal capitano. Insomma, una Domenica di ordinaria amministrazione in attesa del big match contro l'Udinese prima della sosta.

Passiamo al clou della giornata tra LAZIO (6,5) e UDINESE (6) che hanno regalato spettacolo nel 2-2 dell'Olimpico. Pareggio stretto per i romani che avrebbero meritato qualcosa in più ai punti, friulani cinici e decisivi nei momenti chiave. Incomprensibile la scelta di lasciare in panchina, dall'inizio, Di Natale da parte di Guidolin (5), la sua squadra non può fare a meno del proprio capitano che appena entrato in campo ha fatto sentire il suo apporto, la sfida contro la Juve non può rappresentare una giustificazione, quella con la Lazio potrebbe essere più importante a fine campionato.
Dall'altra parte anche Reja ha lasciato fuori Hernanes cambiando modulo inserendo Cavanda e Sculli con Cissè in panca. Splendida prova di Lulic (7,5) presente in ogni zona del campo, una spina per la difesa friulana. La formazione biancoceleste ha mostrato una maggior convinzione e brillantezza anche se è mancata la giusta concretezza, entrambe le squadre hanno confermato il loro valore e potrebbe ripetersi il duello dello scorso anno.

Passiamo all'altro big match tra NAPOLI (5+) e ROMA (7,5) terminato con la clamorosa vittoria dei giallorossi per 3-1. Alzi la mano chi avrebbe pronosticato 4 punti dopo la trasferta di Firenze, forse nessuno visto lo sbando totale, noi avevamo invocato due strade: il sostegno societario nei confronti del tecnico per aiutarlo a comprendere meglio il calcio italiano e a fare chiarezza nella propria testa, in caso contrario l'unica soluzione sarebbe stata l'esonero. Evidentemente Luis Enrique (7) ha riflettuto bene e nelle ultime due gare non ha stupito, ha prevalso la logica, la squadra sta metabolizzando il suo credo calcistico, c'è più concretezza, più verticalizzazioni, opzioni tattiche diverse ma guai a parlare di squadra italianizzata, qual è la squadra che schiera tre punte a Napoli, che sul 2-0 toglie un attaccante per un altro e che da spazio ai giovani? Nessuna. La Roma è andata a Napoli per imporre il proprio gioco e lo ha fatto, ha sofferto nella ripresa ma ha saputo chiudere il match, bisognerà lavorare nella fase difensiva ma intanto c'è un De Rossi (7) immenso, un Lamela sempre più padrone e anche Totti (6,5) che non segna ma il cui apporto è fondamentale per legare centrocampo e attacco nel suo nuovo ruolo.
Il Napoli tutto Champions e poco campionato sta prendendo una brutta piega, continuando così rischia di vedere con i binocoli la prossima stagione europea, troppi errori difensivi come nelle precedenti partite, imperdonabile l'infortunio di De Sanctis (4),gravissimi errori sotto porta, un Cavani abulico, centrocampo di poca sostanza per un gioco che si snoda solamente sulla fasce con l'immancabile contropiede. Si lascino da parte le feste, il Chelsea e i sogni di coppe dei campioni, non è un cinepanettone ma si guardi la realtà.

Il MILAN (7) ha svolto il suo compitino battendo il SIENA (5) per 2-0, vittoria scontata come per la Juventus, primo tempo difficile grazie alla compattezza senese, una volta realizzato il primo gol la partita è terminata. Tevez? Qui c'è bomber Nocerino (7,5) che si sta rivelando il miglior acquisto della serie A al pari di Pirlo. Pato e Robinho assieme non fanno un Ibrahimovic. Domani a Cagliari.

Infine l' INTER (7) che ha sconfitto il CESENA (6) per 1-0. Voto bello gonfio per sintetizzare il momento felice dei nerazzurri e non certo per la prestazione che sarebbe da 6 solo per la vittoria. Gara soffertissima, gioco inesistente, Julio Cesar (7) presente e colpo di testa di Ranocchia a togliere le castagne dal fuoco. L'importante è vincere, a noi italiani ci interessa il risultato per cui bravi i nerazzurri e la loro tigna famelica molto ranierana. Questa squadra potrebbe proseguire così e inserirsi in zone della classifica non ipotizzabili. Che dire, bravi!

MIGLIOR SQUADRA: ROMA
PEGGIOR SQUADRA: PALERMO
SPECIAL ONE: QUAGLIARELLA
SPECIAL FLOP: DE SANCTIS
SPECIAL GOAL: LODI

Davide Serusi

0 commenti:

NOTA

Questo non è il sito ufficiale della trasmissione ma solo una comunità di appassionati.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità . Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001.
Le informazioni contenute in questo blog, pur fornite in buona fede e ritenute accurate, potrebbero contenere inesattezze o essere viziate da errori tipografici. Gli autori di tuttoilcalcioblog.it si riservano pertanto il diritto di modificare, aggiornare o cancellare i contenuti del blog senza preavviso.
Gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ad ogni post. Verranno cancellati i commenti ritenuti offensivi o lesivi dell’immagine o dell’onorabilità di terzi, di genere spam, razzisti o che contengano dati personali non conformi al rispetto delle norme sulla Privacy e, in ogni caso, ritenuti inadatti ad insindacabile giudizio degli autori stessi.
Alcuni testi o immagini inserite in questo blog sono tratte da internet e, pertanto, considerate di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi.
Gli autori del blog non sono responsabili dei siti collegati tramite link né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.

TICB TV